Come determinare il prezzo di cibo e bevande

autore articolo admin data articolo 7 Novembre 2022 commenti articolo 0 commenti

Il prezzo di cibo e bevande deve essere ben ponderato.

Il costo del cibo e delle bevande in un ristorante è una parte importante di ciò che si paga. Un buon pensiero va in quanto le cose dovrebbero costare, e i prezzi sono attentamente considerati prima di essere deciso su in modo che i clienti ottenere i loro soldi vale la pena, pur sentendo come hanno ottenuto grandi offerte sulla cucina di qualità servita con un servizio clienti eccellente!

Il calcolo del food cost e la misurazione dei prezzi di vendita di cibo e bevande possono essere ricondotti alla sommatoria dei seguenti elementi:

Il prezzo di cibo e bevande

image 62
  • costo delle materie prime
  • altri costi variabili
  • costo del lavoro
  • costi generali
  • quota di profitto.

Il prezzo di cibo e bevande

Per effettuare con precisione questa operazione, occorre introdurre altri concetti, quelli legati al costo passivo merci ed al costo primo del piatto, come indicati dai manuali di contabilità nella ristorazione. Il costo primo del piatto è quello della ricetta (costo delle quantità e degli ingredienti impiegati).

Una ricetta, o un insieme di istruzioni per un processo specifico per fare qualcosa con determinati materiali – come la cottura del cibo su un piano di cottura con olio d’oliva a fuoco medio fino a quando il colore è dorato (circa 10-15 minuti). Ci sono anche dei costi nascosti quando si fanno i propri piatti: non solo abbiamo il nostro tempo investito per crearli, ma ci sono altri fattori come i prezzi della benzina che possono cambiare inaspettatamente ogni giorno, quindi la preparazione diventa difficile senza prevedere!

Il prezzo di cibo e bevande

Determinare il numero di porzioni di una ricetta e suddividere per essi i costi ci consente di ottenere il costo primo del piatto. Il costo passivo merci è calcolato invece in relazione all’acquisto delle merci necessarie per la realizzazione di una ricetta. In altri termini, è riferito ad ogni materia, ad ogni ingrediente e di conseguenza anche come somma di tutte le materie.

Il prezzo di cibo e bevande: la variabile tempo

Il prezzo di cibo e bevande

La corretta operazione di calcolo del food cost deve tener conto anche del tempo: il periodo di analisi è in genere il mese, il trimestre, o l’anno. Inoltre, vanno conteggiati i pasti offerti dall’imprenditore e quelli consumati dai dipendenti, perché in questo modo si ottiene il costo netto degli acquisti di materie del periodo.

il prezzo di cibo e bevande

La formula definitiva per il calcolo del food cost diviene quindi la seguente: “Costo netto merci food/Ricavi rettificati”*100 (i Ricavi rettificati si ottengono prendendo in considerazione i pasti offerti dall’imprenditore e il costo dei pasti consumati dai dipendenti, perché il relativo costo va recuperato con le vendite).

Il prezzo netto pagato da un’azienda per acquistare beni e servizi necessari nel processo di produzione, diviso per 100 meno i ricavi rettificati derivati dalla vendita di quegli stessi articoli al dettaglio.

Il prezzo di cibo e bevande

Una volta ottenuto il food cost occorre procedere con il cosiddetto “metodo del fattore”, che consiste nel moltiplicare il costo delle materie prime per un coefficiente, in modo da ottenere il prezzo di vendita di ogni piatto del menu. Come fare? Per avere il coefficiente dovremo:

  • porre a 100 il prezzo di vendita di ciò che vogliamo proporre ai clienti
  • dividere il prezzo di vendita per il food cost percentuale calcolato come visto in precedenza
  • quindi “100/Food Cost” (es. 100/40 = 2,50), con il food cost uguale al 40%.

Il valore ottenuto è il coefficiente che moltiplicato per il costo primo di un piatto ci farà ottenere il “prezzo di vendita indicativo”, perché la scelta del prezzo di vendita di un piatto dipende anche dall’analisi della quantità venduta e del suo margine, ma anche dei margini complessivi di tutta l’attività commerciale.

Food Cost: altri indicatori economici

Ci sono anche altri indicatori che possono aiutare un ristoratore a tenere sotto controllo l’andamento della propria attività, come il rapporto qualità/prezzo, importante perché consente di stabilire il tipo di consumo preferito dalla sua clientela. Per calcolare in maniera accurata questo indicatore servono due passaggi intermedi: il primo consiste nel determinare il prezzo medio praticato ai clienti attraverso la formula “Totale delle vendite/Nr. Pietanze servite”. Il secondo è il calcolo del prezzo medio offerto dal ristorante, con la formula “Somma dei prezzi di tutte le portate/Nr. dei piatti che compongono il menu”. Infine si prendono i due risultati ottenuti e si mettono in rapporto tra loro per ottenere il rapporto “qualità/prezzo”: “Prezzo medio praticato ai clienti/Prezzo medio offerto dal locale”. Se tale il valore di tale formula è compreso tra 0,9 e 1 vuol dire che c’è un equilibrio tra l’offerta del locale e la scelta (o aspettativa) della clientela.

Un risultato inferiore a 0,9 indica che la nostra clientela si orienta verso prezzo inferiori, ed infine un risultato superiore ad 1 ci fa capire che la clientela sceglie in genere i piatti più costosi, che evidenziano un equilibrio tra la qualità del cibo ed il suo prezzo.

Costo delle merci, costo del lavoro, ricavi, pasti offerti, rapporto “qualità/prezzo”: tanti elementi che potrebbe far sembrare estremamente complicato il calcolo del food cost ma che in realtà, una volta acquisita una certa confidenza con la materia, sono strategici per il successo di un locale.

il prezzo di cibo e bevande