Come scegliere il manager per il ristorante: 3 consigli utili

autore articolo admin data articolo 20 Dicembre 2018 commenti articolo 0 commenti

Il successo di un ristorante si misura su una serie di fattori. Oltre alla qualità del cibo e dei piatti offerti, che rappresenta sicuramente il primo elemento distintivo per un’attività del genere, bisogna infatti considerare un altro aspetto, che è in grado di condizionare positivamente o negativamente tutte le attività.

Come scegliere il manager per il ristorante: perché farlo?

Stiamo parlando della gestione, ovvero l’insieme di tutte quelle attività di pianificazione e supervisione che in un ristorante sono davvero fondamentali. Un ristorante di successo e che funziona è infatti anche un ristorante ben gestito. Viceversa, una cattiva gestione si rifletterà su ogni singola attività del ristorante, dall’organizzazione della sala e dei tavoli, al servizio e all’approvvigionamento delle materie prime.

Per questo motivo, se hai appena aperto un ristorante e vuoi far sì che l’attività decolli, dovrai sicuramente affidarti a un manager che sia in grado di affiancarti o prendere direttamente in carico l’intera gestione del locale. E’ quindi molto importante che tu scelga la persona giusta, perché si tratterà di un ruolo chiave, in grado di condizionare pesantemente il futuro della tua attività.

Farine per pizze: scopri quale scegliere!

Dovrà quindi trattarsi di una persona competente, che magari abbia già lavorato nel settore e che soprattutto abbia anche capacità manageriali e spirito di iniziativa. Un altro aspetto molto importante e che dovrai considerare è che il manager non dovrà ricoprire anche altri ruoli. Spesso infatti, soprattutto nei piccoli ristoranti, accade che il titolare del ristorante sia anche il manager. Una pratica che può andar bene nelle attività a conduzione famigliare, ma che in ristoranti più strutturati non può assolutamente essere seguita. Se vuoi che il tuo ristorante abbia successo, ricorda di separare e dividere sempre i singoli ruoli e le rispettive mansioni.

Gestione di un ristorante errori: scopri quelli più frequenti!

Come scegliere il manager per il ristorante: consigli utili

  1. Competente 
    Potrà sembrare scontato ma non lo è affatto. Molti ristoratori, infatti, sottovalutano questa figura a tal punto da affidare il ruolo a un amico o una persona che sia semplicemente appassionata del settore ma priva di competenze. Il ruolo del manager è un ruolo importantissimo e che non può essere né trascurato né affidato al primo che capita. Il manager, infatti, oltre a supervisionare tutte le attività, dovrà anche pianificare i costi e gli investimenti. Una buona base di economia, quindi, risulta davvero fondamentale. Senza tutto questo il tuo ristorante potrebbe rischiare grosso e ritrovarsi in poco tempo sull’orlo del fallimento.
  2. Organizzato
    Un buon manager, oltre ad avere una solida preparazione alle spalle, deve anche essere molto organizzato e, soprattutto, saper lavorare con gli strumenti giusti. Nella tua selezione, cerca allora di preferire persone che ad esempio abbiano fatto già uso di gestionali per ristoranti. Ad oggi è infatti impensabile valutare di poter gestire efficacemente un ristorante senza affidarsi a questo genere di software. Ristomanager, ad esempio, è uno dei migliori e più completi attualmente sul mercato. Un programma che potrai scaricare comodamente sul tuo tablet e il tuo pc, e grazie al quale potrai monitorare e pianificare ogni singola attività: dalla gestione dei tavoli alle comande, alla gestione del personale, del magazzino e persino dei clienti.

    Comande ristoranti: scopri come gestirle al meglio!Utilizzando Ristomanager niente sfuggirà al tuo controllo o al controllo del manager del ristorante. Potrai organizzare meglio tutte le attività, ottimizzando tempi e risorse ed evitando così brutte sorprese. Il tuo manager avrà un aiuto in più e potrà così pianificare costi e investimenti, così come monitorare le prestazioni e le performance, individuando punti di forza e punti di debolezza. Insomma, uno strumento davvero indispensabile e che ogni buon manager dovrebbe saper usare.

  3.  Intraprendente
    Infine, una qualità che proprio non può mancare ad un buon manager di un ristorante è sicuramente l’intraprendenza. Questo significa che il manager di un ristorante deve anche saper osare e guardare oltre, ipotizzando investimenti e iniziative in grado di rilanciare il ristorante. Un buon manager non è solo un bravo contabile, ma è un imprenditore a tutti gli effetti, capace di far crescere il ristorante, e quindi in grado di fornire nuovi strumenti e idee. Questo non significa che il manager debba essere spericolato o avventato, ma solo che abbia iniziativa e sia in grado di intuire i cambiamenti, anticipandoli.
Come scegliere il manager per il ristorante: 3 consigli utili ultima modifica: 2018-12-20T09:23:25+02:00 da admin