Cameriere a chiamata come funziona nel settore della ristorazione?

autore articolo Alex data articolo 20 Febbraio 2020 commenti articolo 0 commenti

Il cameriere è un mestiere sempre più ricercato e sono davvero tanti i giovani che con il passare del tempo stanno pensando di proporsi per questo lavoro destinato a riscuotere sempre più successo.

Avete mai sentito parlare del contratto di cameriere a chiamata? Come funziona quando si tratta del settore della ristorazione?

Come si può facilmente capire dalla stessa parole, il contratto a chiamata non prevede un impegno duraturo e costante del lavoratore, ma che l’azienda lo possa telefonare al momento della necessità.

Stipendio minimo di un cameriere con contratto a chiamata a quanto ammonta?

Iniziamo con il sottolineare che il contratto a chiamata non è altro che un contratto subordinato ovvero i cui tempi e modalità vengono rigorosamente scelte dal datore di lavoro.

Questo tipo di contratto prevede che l’azienda o datore di lavoro utilizzi un cameriere quando ne ha realmente necessità. Si verrà chiamati, in pratica, quando ci saranno tantissimi clienti magari nel fine settimana, in vista di feste o eventi di vario genere.

Il contratto a chiamata può essere:

A tempo indeterminato

  • Quando il contratto stipulato non ha una precisa scadenza.

A tempo determinato

  • Quando il contratto ha una scadenza

La durata del contratto a chiamata

Ma quanto dura dunque un contratto a chiamata per un cameriere? Di solito, salvo casi eccezionali, per ogni lavoratore e con la stessa azienda non può superare le 400 giornate nell’arco di tre anni.

Si possono avere più contratti a chiamata?

La risposta è si, si possono tranquillamente avere più contratti a chiamata in contemporanea purché ovviamente non si va da a creare concorrenza tra le due società e purché il tutto permetta di svolgere senza problemi entrambi i lavori.

Contratto a chiamata: la retribuzione

Parlando di retribuzione per questo genere di contratto il tutto è regolato dalla proporzionalità, ovvero in base alla prestazione che viene svolta.

Al lavoratore, in pratica, spetta una paga ad ora al pari di un qualsiasi lavoratore di uguale livello con contratto subordinato.

Consigliamo anche: Mansioni cameriere di sala quali sono?