Come migliorare il servizio clienti di un ristorante.

Qui ci sono quattro semplici passi per un ottimo servizio clienti.

 

1. Il vostro Staff Ristorante 

Il primo passo per un ottimo servizio clienti è il tuo personale del ristorante. Un fronte ben addestrato del personale della casa non mancherà di tenere i clienti felici e farli tornare di più. Buoni camerieri sono tra i migliori talenti in circolazione. Sono amichevoli, ma non fastidioso.

Il vostro personale ( Staff ) devono essere onesti, affidabili e in grado di lavorare come una squadra.

2. reclami dei clienti

Il passo successivo è uno dei più importanti perchè vi servirà a gestire i reclami dei clienti. Le cose sono destinate ad andare male una volta ogni tanto, il cibo viene bruciato, gli ordini vengono dimenticati nel bel mezzo di una punta della cena. Non importa il motivo del reclamo, la cosa importante è cercare di accontentare il cliente. Si dovrebbe riconoscere che sì, c’era un problema, ma non è quello che devono aspettarsi dal proprio ristorante.

3. mostrare il proprio apprezzamento verso i clienti

Le azioni parlano più forte delle parole, e questo è certamente vero per l’apprezzamento dei clienti. Ci sono innumerevoli modi per mostrare ai vostri clienti quanto apprezziate la vostra attività. Ad esempio, attenzione al personale, soprattutto da parte del proprietario o manager che soltanto per andare dai clienti per chiedere come sta andando la serata, li farà sentire coccolati e speciali.

4. Essere Responsabile

Servire responsabilmente liquore è probabilmente il modo più importante per mostrare ai clienti che li dai valore. Dopo tutto, non si vuole vedere un mecenate che ha avuto troppo da bere e che vuole mettersi al volante di una macchina. Quindi, se avete intenzione di servire alcolici nel vostro nuovo ristorante, bisogna avere familiarità con tutte le leggi dello Stato dei liquori. Le leggi del liquore variano da stato a stato, nella maggior parte dei casi, se una persona è coinvolta in un incidente mentre è ubriaca, come il proprietario dello stabilimento che li serviva, può essere ritenuto responsabile.

Come migliorare il servizio clienti di un ristorante. ultima modifica: 2015-07-15T12:12:03+02:00 da admin

Food marketing: 5 strategie di digital marketing per il tuo ristorante.

La creazione di una efficace campagna di marketing online non è quasi mai un compito semplice – soprattutto per i ristoratori che utilizzano la maggior parte del loro tempo ed energie per controllare ciò che accade in cucina.

Negli ultimi anni, un certo numero di piattaforme per il marketing online sono intervenute per rendere più facile per i ristoratori indipendenti sviluppare siti web, gestire i social media, e coltivare relazioni migliori con i loro clienti online. Ecco cinque consigli da esperti del settore su ciò che potresti fare per migliorare ed espandere la tua presenza online.

1) Creare siti web per cellulari. I ristoratori che spendono un sacco di soldi su siti con pulsanti in movimento e contenuti in Flash, realizzano un cattivo servizio se questi siti non funzionano sui dispositivi mobili. Il sessantanove per cento degli utenti di telefonia mobile accedono al web tutti i giorni dai loro smartphone, e questo è il motivo per cui dovresti concentrarti sulla creazione di un semplice sito web che gira rapidamente su una varietà di dispositivi mobili più ampia possibile. Questo sito dovrebbe essere facile da aggiornare, e dovrebbe possibilmente integrarsi con le piattaforme web per ristoranti senza impedimenti.

2) Stimolare l’interazione. Centinaia di visitatori on-line possono cliccare sul sito web del tuo ristorante ogni giorno, ma quello che trasforma i visitatori on-line in clienti reali è lo stimolo all’interazione con il ristoratore. I migliori stimoli sono sicuramente le offerte a tempo limitato e gli sconti – di solito pubblicati sul sito web del  ristorante, sulla pagina Facebook, o Twitter – un modo per incoraggiare le persone ad alzarsi e varcare le porte del tuo ristorante.

3) Pubblicare i menu online. La cosa che i consumatori cercano più di ogni altra, quando cercano informazioni online su un ristorante è un menu aggiornato – anche più del numero di telefono, l’indirizzo, o la foto dello stabilimento. I menu non hanno bisogno di essere pubblicati solo sul sito web del ristorante, in ogni caso: una buona strategia di marketing online per il tuo ristorante potrebbe essere quella di inviare i tuoi menù sulle piattaforme di pubblicità online per ristoranti o nelle inserzioni dei siti web dei giornali locali per estendere ancora di più la loro divulgazione.

4) Sollecitare il feedback anonimo da parte dei tuoi clienti. Spesso, proprietari di ristoranti non comprendono pienamente la qualità del servizio che il personale fornisce. L’esperienza del cliente è stata soddisfacente o frustrante? Il cibo era di prim’ordine o così così? Le piattaforme per la ristorazione che forniscono ai ristoranti modi anonimi per raccogliere il feedback dei clienti onesti – sia attraverso messaggi di testo che online – può aiutarti a capire quello che stanno facendo bene e dove il tuo ristorante ha margini di miglioramento.

5) Approfitta dei social media. I siti di social media come Facebook e Twitter dovrebbero essere una parte importante della tua campagna di marketing online. I proprietari di ristorante che cercano di trarre il massimo vantaggio da Facebook dovrebbero pubblicare le foto dei loro piatti e chiedere ai clienti quali tipi di specialità vorrebbero vedere. Su Twitter, i ristoranti possono twittare link alle foto che pubblicano su Facebook e, occasionalmente, inviare suggerimenti culinari quale modo per dimostrare la propria competenza e mantenere aggiornati i propri follower.

Come avrai avuto modo di constatare, tutte queste strategie di marketing online possono essere integrate le une con le altre, in modo da sfruttare tutte le possibilità offerte dalla rete internet.

Food marketing: 5 strategie di digital marketing per il tuo ristorante. ultima modifica: 2015-07-08T11:53:55+02:00 da admin

Menù di un ristorante: 9 cose da sapere

1. Il menu del ristorante deve essere originale 

Il menù del ristorante offre un equilibrio ideale di piatti unici e vecchi, esempio l’hamburger base. Si può offrire in un classico o con formaggio americano. Si può anche offrire una versione unica, uno che si adatta con il ristorante a tema, come topping un hamburger con formaggio guacamole e pepe jack per un ristorante a tema messicano.

2. Il menu del ristorante deve essere versatile

Questo significa semplicemente che nessuna voce nel menu dovrebbe stare da solo. Se offri un rotolo di aragosta fresca, bisogna essere sicuri di includere l’aragosta in altri piatti.

3. Il menu del ristorante dovrebbe avere un costo adeguato al cibo

Al fine di mantenere i profitti e prezzi accessibili per i clienti, ogni elemento sul menu del ristorante dovrebbe essere valutato per determinare il suo cibo in termini di costi con l’importo effettivo ti costa per rendere il piatto. Gli Ingredienti costosi (come già citato l’aragosta) equivale a un menu costoso. Questo non significa che il cibo che si ordina dovrebbe essere il più economico di qualità disponibile- è l’aspetto più importante della creazione di menù items- ma è necessario per bilanciare i costi alti e bassi di cibo a un margine di profitto ragionevole.

4. Le voci del menu devono essere facili da preparare

Le voci del menu devono essere facili da preparare e questi sono due consigli utili:

1 – facili da preparare sul posto (soffritto, grill, ecc …)

2 – facili da preparare in anticipo e riscaldare (lasagne, pasta cotta, costolette).

5. Il menu del ristorante dovrebbe avere un formato di facile lettura

Leggere i caratteri e troppo testo rendono difficile la lettura per gli utenti. Mantenete il vostro menu con design semplice ed evitare di usare troppo gergo culinario.

6. Il menu del ristorante dovrebbe essere in una dimensione gestibile

Il cielo non è il limite quando si tratta di un vostro menu del ristorante. Evitare la tentazione di offrire una vasta selezione di articoli, altrimenti si sarà inevitabilmente gettando cibo alla fine della serata. Considerate anche che cosa la vostra cucina ristorante è in grado di produrre. Ci sono abbastanza stazioni per offrire piatti alla griglia, piatti saltati, insalate, zuppe, prodotti da forno, ecc …

7. Si deve sapere quando aggiornare il vostro menu del ristorante

Al fine di mantenere il costo del cibo sotto controllo e tenere il passo con gli altri costi è necessario aggiornare il vostro menu, almeno una volta l’anno. Questo non significa che si deve riscrivere l’intero menu o aggiungere tutti i nuovi piatti. Si tratta semplicemente di un buon momento per fare in modo che i prezzi sono dove dovrebbero essere, e per valutare le voci di menu con quelle che non si stanno vendendo.

8. Si deve sapere cosa evitare sul menu del ristorante

C’è una lunga lista di cose da evitare in un menu di ristorante, come leggere caratteri difficili o linguaggi eccessivamente descrittivi. Il menu è come un ambasciatore per il ristorante, e si desidera mettere il piede giusto.

9. Si deve sapere quando offrire menù dei ristoranti speciali

La festa della mamma o San Valentino spesso meritano uno menù speciale a prezzo fisso. Un menu a prezzo fisso limita il numero di articoli disponibili in un momento, rendendo più facile per la cucina far risultare un gran numero di pasti in un breve lasso di tempo. Anche se non è una festa, un menù fisso agisce anche come una grande promozione durante tempi lenti. Menù a prezzo speciale di due-per-uno o di un menù a prezzo fisso di degustazione di vini sono grandi promozioni ristorante per convincere la gente, anche nei periodi di congiuntura difficile.

Menù di un ristorante: 9 cose da sapere ultima modifica: 2015-07-08T11:40:24+02:00 da admin

Come organizzare una cena di degustazione vini: 4 dritte da seguire.

Il vino è una bevanda alcolica che non passa mai di moda. Una cena di degustazione vino è un evento popolare e promozionale per provare al vostro ristorante. Le Degustazioni di vini Restaurant offre l’opportunità di incoraggiare le imprese, soprattutto durante le stagioni tradizionalmente lenti. Una degustazione di vini nel ristorante è simile a una degustazione di vini di casa, in quanto gli ospiti saranno condividere e conversare su molti vini diversi.

Tuttavia una degustazione di vino nel ristorante va oltre, invitando un sommelier (esperto vini) per insegnare agli ospiti sui vini della serata.

Selezionare una carta dei Vini

Ci sono innumerevoli tipi di vino, dai classici vini francesi o californiani ai vini di produzione locali a più esotici, ( vini rari ). Lavora con la tua persona di vendite di vino o un sommelier per aiutarvi a scegliere un menu vino robusto. Un sommelier è una persona con esperienza nel vino. Il vostro vino può o mettervi in contatto con un sommelier o fare il lavoro da soli. Molti distributori di vino vi aiuteranno in ogni fase della pianificazione di una degustazione di vini, dal momento che si acquista il vino da loro direttamente.

Scegli L’omaggio Foods

Una volta che avete deciso su una selezione di vini che completano l’un l’altro, selezionare le voci di menu che sarà anche a completare ogni vino.

Pensare al di là delle vecchie regole tipo il vino bianco con pollo e pesce e il vino rosso con carne di manzo e di maiale. Anche in questo caso, in collaborazione con il vostro sommelier vi basta pianificare un menu di degustazione che vi aiuterà a pianificare l’abbinamento perfetto di cibo e vino.

Invita gli Ospiti

Una volta che hai i dettagli della degustazione (data, ora, carta dei vini, cena, prezzo) è il momento di ottenere la parola. Prendete i vostri account di social media per promuovere la tua degustazione di vino nel proprio ristorante. Sottolinea che lo spazio è limitato, per incoraggiare le prenotazioni anticipate. È possibile vendere i biglietti o prendere le prenotazioni, o entrambi. E ‘importante avere un determinato numero di garanzie, in modo da sapere quanto vino ordinare e la quantità di cibo da preparare. Ordinare circa il 10% in più di cibo e vino di cui avete bisogno per le prenotazioni last minute.

Educare il vostro Personale

Se questo è il vostro primo assaggio ristorante di vino, è importante educare il vostro personale sul protocollo della serata. Rivedere la routine passo dopo passo, con entrambi i server e il personale di cucina. Dare a tutti una copia della lista dei vini e menu, in modo che sappiano in quale ordine dovranno servire vini e piatti. Chiedete al personale per leggere i vini che vengono serviti, in modo che possano rispondere a domande semplici per gli ospiti, tra cui è stato prodotto il vino, i tipi di uva che sono stati utilizzati, ecc …

Scorta di Bicchieri da Vino

Mancanza di calici di vino? Assicuratevi di avere bicchieri di vino a sufficienza per la sera. Ogni persona avrà un bicchiere, per ogni vino servito. Quindi, se si sta servendo bisogna avere sei bicchieri per ogni ospite. Se si dispone di 50 ospiti, avrete bisogno di 300 bicchieri di vino .

Come organizzare una cena di degustazione vini: 4 dritte da seguire. ultima modifica: 2015-07-06T11:17:04+02:00 da admin

5 tendenze di un catering di successo.

Vediamo insieme le diverse tendenze culinarie nel catering

E’ sempre difficile decidere cosa inserire nei propri menu pensati per il catering, specialmente a causa dei gusti molto variegati dei propri clienti! Per questo motivo, può essere sicuramente utile conoscere le varie tendenze culinarie nel catering.

Cibi con ingredienti locali

Una delle tendenze culinarie nel catering più utilizzate nei menu del momento, è quella di offrire alimenti realizzati con prodotti locali. Questo include carne, pollame, pesce, frutta e verdura. L’utilizzo di alimenti realizzati con ingredienti locali o comunque appartenenti al territorio in cui si opera, è una parte importante delle grandi tendenze che guardano alla sostenibilità ambientale e ad una sana alimentazione. I piatti tipici locali sono molto adatti per gran parte degli eventi con servizio di catering, perché spesso stai creando un menu personalizzato per l’evento specifico.

I menu salutistici

Un’altra delle tendenze culinarie nel catering è quella di proporre menu che vadano oltre la carne; inserire qualcosa come le patate e qualche verdura al vapore ti aiuterà a offrire dei cibi sani come i cereali integrali, una varietà di verdure e pesce fresco che sono sicuramente un buon modo per dimostrare le tue grandi abilità culinarie. Questo significa che dovresti eliminare il pesce fritto o i bastoncini di mozzarella dai tuoi menu? Niente affatto; piuttosto dovresti prendere in considerazione l’aggiunta di alimenti a basso contenuto di grassi, a basso contenuto calorico, come i tagli magri di manzo, maiale, pollame o pesce, così come realizzare delle porzioni più piccole (e a prezzi inferiori).

Cibi senza Glutine

Molte persone soffrono della fastidiosa intolleranza al glutine, mentre altri lo eliminano dalla loro dieta, nel tentativo di mangiare più sano. Non importa il motivo, la cucina senza glutine è una delle maggiori tendenze culinarie nel catering che si stanno espandendo maggiormente. Ci sono molti piatti deliziosi senza glutine che offrono costi decenti del cibo, e serve anche come un’opportunità per sperimentare con molti ingredienti alternativi come amaranto, farina di manioca e teff.

Cucina etnica e street food

La cucina orientale e in particolare quella del Medio Oriente hanno avuto una crescita vertiginosa nei menu del 2014. Questa tendenza comporta anche una tendenza maggiore ad utilizzare ingredienti alternativi. Basti pensare a ingredienti come lo sciroppo di melograno per la colazione, come alternativa allo sciroppo d’acero. Ti consiglio poi di cercare delle spezie esotiche e miscele di queste, come Togarashi, zataar e shichimi, da offrire insieme a sale e pepe. Una delle tendenze culinarie nel catering offre piatti ispirati dalla fusione etnica del cibo di strada. Dai churros messicani, alle tapas spagnole, i dim sum cinesi fino agli spiedini mediorientali,  più internazionale è il menu, meglio è. Questi tipi di piatti funzionato bene con le i camioncini o per accompagnamento dei cocktail.

Cucina casereccia

Nello stile casereccio il cibo viene servito su piatti e i commensali si servono da soli (proprio come a casa). Si può vedere questo tipo di pranzo presso molti ristoranti tradizionali cinesi e coreani. Se stai offrendo servizi di catering con il tuo ristorante, la cucina casereccia è ottima per gruppi di piccole e medie dimensioni. È molto più facile nutrire contemporaneamente 50 persone se li lasci servire di 10 insalate.
5 tendenze di un catering di successo. ultima modifica: 2015-07-03T19:36:21+02:00 da admin

Intervista all’Albergo Ristorante Olimpia di Abbadia San Salvatore

Quest’oggi sul nostro blog intervistiamo i proprietari dell’Albergo Ristorante Olimpia, di Abbadia San Salvatore, in provincia di Siena.

Iniziamo subito con una domanda molto semplice: all’Albergo Ristorante Olimpia, avete qualche piatto tipico della casa?
Tra i primi piatti, abbiamo una gustosa zuppa di funghi porcini, mentre per i secondi prepariamo un ottimo arrosto al finocchio selvatico, o se preferite delle ottime melanzane all’Olimpia. Per quanto riguarda i dolci invece, abbiamo una golosissima ricciolina pronta per essere gustata.

Rimaniamo in tema di pietanze, e vorremmo chiedervi quali sono le pietanze più richieste dalla Vostra clientela?
Di sicuro quelle più richieste sono le zuppe e la pasta fatta in casa.

Una domanda che riguarda direttamente l’Albergo Ristorante Olimpia in quanto azienda: da quanto siete aperti?
Sono ormai 75 anni che abbiamo questa attività.

E se qualcuno dei nostri utenti  volesse raggiungervi per gustare le Vostre specialità, dove dovrebbero recarsi?
Il nostro Albergo Ristorante Olimpia è situato in zona centrale ad Abbadia San Salvatore in provincia di Siena.

Ci chiedevamo inoltre se disponete anche di un servizio di asporto.
Non abbiamo alcun servizio di questo tipo, al momento.

Passiamo ora ad una domanda più tecnica, riguardante eventuali strumenti informatici utilizzati dall’Albergo Ristorante Olimpia: avete un sistema per conoscere le giacenze del vostro magazzino?
Si, lo abbiamo perché siamo consapevoli che conoscere sempre le giacenze è una cosa fondamentale per ogni attività del nostro settore.

Per quanto riguarda invece la clientela, avete degli habituèe?
Effettivamente si: è sempre un piacere constatare che un cliente si affeziona al nostro locale.

Tornando a parlare di informatica, come prendete le comande in sala? Utilizzate dei tablet o smartphone?
Noi dell’Alberg0 Ristorante Olimpia siamo legati alla tradizione, per cui preferiamo la vecchia maniera col cameriere.

Per quanto riguarda i servizi alla clientela, effettuate consegne a domicilio?
No, preferiamo il contatto diretto con la nostra clientela.

Ringraziamo l’Albergo Ristorante Olimpia per la cortese disponibilità e pazienza nel rispondere alle nostre domande, e vi invitiamo a continuare a seguire le nostre interviste alle varie attività ristorative.

Intervista all’Albergo Ristorante Olimpia di Abbadia San Salvatore ultima modifica: 2015-07-01T20:32:38+02:00 da admin

Barbecue: i principali adottati nei ristoranti.

Il Barbecue occupa un posto insolito nella psiche di tutte le nazioni.

E ‘tipicamente americana, ma varia notevolmente da regione a regione. E ‘ ricco e pesante, ma viene mangiato solitamente al culmine della stagione estiva. E ‘decisamente egualitaria nel suo appello, ma per lo più riservato per le occasioni speciali.

Questa estate, catene di ristoranti stanno prendendo diversi approcci a questo tesoro culinario americano.

 

 

La filiale più famosa si chiama Cheeseburger in Paradise ed è una filiale di otto unità in sede a Houston la quale hanno introdotto un menu Nuovo chiamato “Summer Island Cookout” .
Nel centro del panino ci si trova un Trio barbecue con un terzo di un rack di costole e un barbecue alla griglia di petto di pollo e pollo barbecue, servito con patatine fritte e insalata di cavolo.

La catena offre anche altri piatti di carne alla griglia e gamberi, con osso e senza osso e versata di sopra una salsa barbecue dolce e servito con bastoni di sedano.

Per i più intraprendenti mangiatori di Barbecue vi consigliamo di accompagnare il tutto con un ottimo Milkshake  e per finire  uns buonissima torta di mele e gelato alla vaniglia.

Barbecue: i principali adottati nei ristoranti. ultima modifica: 2015-06-30T11:10:39+02:00 da admin

Come gestire meglio il ristorante in 10 mosse

La Gestione del Ristorante coinvolge molti aspetti diversi, tra cui le pubbliche relazioni, la gestione del magazzino e delle scorte, le relazioni col personale, il servizio ai clienti, e così via in un elenco che potrebbe continuare all’infinito. Ecco dieci 10 cose che dovresti sapere sulla gestione del ristorante.

1. Il cliente ha sempre ragione. Questa è la regola d’oro di ogni attività commerciale – il cliente ha sempre ragione. Anche se puoi non essere d’accordo con il reclamo di un cliente, il modo in cui questa viene gestita, determinerà se il cliente tornerà al tuo ristorante.

2. Gli obiettivi di lavoro del Ristorante dovrebbero essere chiari al personale. Dal personale di sala fino a quello della cucina, ognuno deve essere il migliore nel proprio lavoro, in modo che la gestione del ristorante sia sempre portata avanti senza problemi.

3. Anche un Ristorante ha bisogno di pubblicità. Gran parte della gestione del ristorante riguarda la pubblicità. La pubblicità per i Ristoranti hanno percorso una lunga strada, dagli annunci sui giornali e spot radiofonici. Il social networking offre un metodo a basso o nessun costo per promuovere il tuo ristorante.

4. Nella gestione del ristorante dovresti tenere sempre sotto controllo il flusso di cassa. Il flusso di cassa è la quantità di denaro in entrata rispetto alla quantità di denaro in uscita dal tuo business su base giornaliera, settimanale e mensile. Se comprendi appieno questo concetto di base della gestione del ristorante, potresti correre un rischio finanziario.

5. Ci sono molti tipi di differenti di promozioni per un ristorante. Le promozioni possono variare da un happy hour serale ai menu a prezzo fisso, fino a cene speciali per due.

6. Il catering può espandere le vendite. Tutti i ristoranti hanno potenziali clienti per il catering nella loro base di clienti e hanno tutte le risorse – cibo, attrezzature, personale – per piccoli e grandi eventi.

7. Una analisi quotidiana della tua attività può aiutare a tener traccia delle vendite del ristorante. Un rapporto quotidiano sulle condizioni generali permette di avere una storia degli affari nella gestione del ristorante. Può aiutare inoltre ad analizzare l’andamento delle vendite, dei costi del personale, del numero di clienti e prevedere le vendite future.

8. Un POS è un aiuto per il sistema di gestione del ristorante. I sistemi di Punti Vendita permettono ai ristoratori di monitorare le vendite, il flusso di cassa e le giacenze cibo. Questo può semplificare notevolmente la gestione del ristorante giorno per giorno, aiutando a conoscere meglio il costo del cibo e il libro paga, così come monitorare la popolarità di ogni pietanza del proprio menu.

9. Il menu del ristorante dovrebbe essere aggiornato regolarmente. Il prezzo del cibo cambia e il costo di gestione di un’impresa pure. Perciò è importante che il menu dei ristoranti abbiano prezzi che mantengono il costo del cibo basso pur mantenendo un alto profitto.

10. Alcuni piccoli accorgimenti possono far risparmiare denaro al tuo ristorante. Il passaggio a lampadine ad alta efficienza energetica o a rubinetti a basso flusso sono solo due modi coi quali il tuo ristorante può risparmiare denaro (e aiutare l’ambiente).

Come gestire meglio il ristorante in 10 mosse ultima modifica: 2015-06-26T11:25:25+02:00 da admin

Capri New Style di Gallipoli, da sempre Inimitabile

Quest’oggi abbiamo il piacere di avere come gradito ospite del nostro blog Massimiliano Stamerra, titolare del Ristorante Pizzeria Capri New Style di Gallipoli, in provincia di Lecce dal 2005.

L’attività della Capri New Style nasce per la passione del suo titolare, una passione che lo ha portato a rinunciare ai fasti luminosi di una città piena di opportunità come Las Vegas, per investire tutto in un seminterrato di una piccola viuzza semi-oscura e secondaria di Corso Roma, con l’idea di voler offrire un servizio che sia differente dal solito; infatti come ama affermare lo stesso Massimiliano, è “da Sempre Inimitabile”, grazie all’indovinato mix di accoglienza, simpatia e amicizia.

Tutto ciò ha portato il nostro Massimiliano e la “Capri New Style” ad affermarsi rapidamente in tutto il circondario e non solo, sfruttando la fama della “Bella Città” per definizione e il suo rapporto speciale con la clientela che viene a trovarlo anche da lontano e nonostante le difficoltà a raggiungere Gallipoli.

Sempre al passo con le esigenze del mercato della ristorazione, il titolare della “Capri New Style” è alla continua ricerca di nuovi ingredienti che offrano anche una valida alternativa per tutti quei clienti che abbiano delle intolleranze o dei gusti particolari, per cui offre impasti per la pizza senza glutine, latte o lievito, con farina di Kamut, di Farro o Canapa, multi-cereali o integrale.

Naturalmente, tutto questo non può prescindere dalla qualità degli ingredienti, come l’olio extra vergine di oliva o la farina 100% di grano italiano, accuratamente selezionati e acquisiti attraverso i fornitori più sicuri e affidabili.

Oltre al classico servizio di asporto, che offre una buonissima pizza “a metro” e che è il suo vero punto di forza, il Ristorante Pizzeria “Capri New Style” è dotato di una sala capiente che può accogliere anche 500 persone, e nella quale ci si può tranquillamente abbandonare al piacere di un ambiente accogliente e vivace e di un’ampio giardino nel quale respirare la tipica atmosfera di festa delle serate d’estate gallipoline.

Inoltre, la “Capri New Style” è dotata di tutti gli ultimi strumenti più avanzati e moderni per la gestione informatizzata delle comande in sala e del magazzino; il suo personale, che può raggiungere i 22 elementi tra cameriere e ragazzi, durante i picchi massimi di affluenza nelle calde serate tipiche delle estati salentine, viene scelto tra giovani di talento ed offre un servizio come detto “da sempre Inimitabile”, grazie ad appositi palmari per le ordinazioni, che permettono di velocizzare le operazioni di ordinazione e comunicazione con la postazione di preparazione delle pizze e la cucina.

Il consiglio della redazione del Blog di Ristomanager.it è quello di provare al più presto la qualità e l’atmosfera di accoglienza di “Capri New Style” e conoscere di persona il titolare Massimiliano Stamerra.

Capri New Style di Gallipoli, da sempre Inimitabile ultima modifica: 2015-06-16T11:31:15+02:00 da admin