Come scegliere il posto giusto per aprire un ristorante

autore articolo admin data articolo 21 ottobre 2015 commenti articolo 0 commenti

Uno dei passi più importanti nella apertura di ogni nuova attività è quello di scegliere il posto giusto per aprire un ristorante. Il passo successivo nel processo è decidere se affittare appositamente uno spazio o acquistarlo.

A seconda di dove si trova lo spazio commerciale, non si possono avere altre opzioni oltre il noleggio o il leasing. E se questo è la prima volta, il noleggio non è una soluzione così male nello scegliere il posto giusto per aprire un ristorante – almeno non vi ritroverete con un enorme mutuo da pagare, se le cose non dovessero andare bene.

In ogni caso, ci sono diversi fattori da considerare nella scelta di uno spazio da affittare aprire per un ristorante, compresa l’ubicazione fisica e lo spazio a disposizione, la durata del contratto di locazione, e i fondi disponibili.

Che cosa viene prima, il ristorante o lo spazio?

Esistono alcuni concetti di ristorazione da tenere sempre presenti, e lo spazio viene costruito intorno a quei concetti. Questo è il caso ad esempio, delle catene di ristoranti come Ca’puccino o Rossopomodoro.

Esse sono costruite da zero, tutte con le stesse specifiche strutture o grafiche. In questo modo, si ha la coerenza tra più sedi,  e il rafforzamento del marchio aziendale della società. Altri ristoranti sono creati su spazi esistenti – le loro caratteristiche peculiari vengono ottimizzate e tagliata su misura per avere una posizione invidiabile. Pensate al vostro ristorante preferito del centro. Probabilmente l’edificio con i suoi spazi era  già lì, prima ancora del ristorante. I proprietari del ristorante hanno quindi dovuto lavorare con le dimensioni attuali, sili di costruzione, ecc … Poiché la maggior parte delle persone non sono possiedono denaro sufficiente per costruire un nuovo ristorante da zero o per entrare a far parte di una grande catena, la maggior parte finiscono con utilizzare l’opzione due – ovvero la ristrutturazione di uno spazio esistente.

Come affittare un ristorante

Quindi, una volta trovato lo spazio perfetto, è forte la tentazione di firmare sulla linea tratteggiata, per andare ad iniziare.

In realtà non è una buona idea accelerare gli eventi. Prima di tutto, bisogna verificare se lo spazio può essere utilizzato come ristorante, ad esempio se in esso vi è consentito vendere liquori. In alcune città, ci sono ancora leggi proibizioniste in vigore che limitano la porzione di alcol del tutto o se un ristorante si trova ad una certa distanza da una scuola o da una chiesa. Una volta stabilito che lo spazio permette di aprire delle attività di ristorazione, è necessario valutare se esso è in grado di ospitare un ristorante vero e proprio.

E’ abbastanza grande? Andate nel centro storico di qualsiasi grande città e vedrete alcuni piccoli ristoranti stipati in spazi poco più grandi di un corridoio. Quindi, avere uno spazio più grande non è sempre meglio. Tuttavia, se il vostro progetto prevede un minimo di 100 posti a sedere, e lo spazio lo consente di averne solo 25, a quel punto dovrete cercare di velocizzare al massimo il servizio offerto. E poi c’è la questione di chi pagherà per i lavori di ristrutturazione. Sarà il padrone di casa a pagare per l’installazione di una stanza frigorifera? Oppure la nuova pavimentazione antiscivolo in cucina? O sarete voi responsabili per l’intero importo? Considerate sempre tutte queste preoccupazioni prima di firmare un contratto di locazione in tutta tranquillità.

Come ci si può permettere?

Il fattore più importante per scegliere il posto giusto per aprire un ristorante è il vostro budget. Se si trova una posizione privilegiata in un centro storico, è probabile che l’affitto sarà superiore rispetto ad una posizione meno desiderabile, come un parcheggio del centro commerciale. Proprio come l’acquisto di una casa, è necessario essere consapevoli del vostro denaro disponibile. Considerate anche per quanto tempo il contratto di locazione sarà in vigore. Un contratto di locazione di cinque anni è piuttosto comune nel mondo degli affari. Tuttavia, se il ristorante chiude dopo un anno o due, sarete ancora responsabili del pagare l’affitto per i prossimi tre anni. Se un potenziale padrone di casa non è disposto a negoziare un contratto di locazione più breve, agite con la massima cautela, e passate allo spazio successivo.

Come scegliere il posto giusto per aprire un ristorante ultima modifica: 2015-10-21T11:36:49+00:00 da admin