Ristorante in gestione? Ecco cosa fare.

autore articolo Lucia Di Noi data articolo 20 Settembre 2019 commenti articolo 0 commenti

Hai pensato di prendere un ristorante in gestione ma non sai cosa fare? Ecco tutto ciò che devi sapere per affrontare la situazione al meglio.

Nel nostro paese le attività di ristorazione sono molto numerose. Infatti, il settore ristorativo è uno dei punti focali per l’economia italiana. Questo è un settore su cui vale sempre la pena investire.

Prendere un ristorante in gestione

La burocrazia per avviare un ristorante è piuttosto complessa, ed i tempi per portare a termine il processo non sono brevi e nemmeno semplici. Inoltre, quando si è in fase di start-up, si ha la necessità di farsi conoscere e apprezzare. Non è facile crearsi una buona reputazione ed una clientela affezionata.

Una soluzione è prendere un ristorante in gestione. Ovvero rilevare un’attività già funzionante.

Alcune accortezze prima di prendere in gestione in ristorante.

Fate molta attenzione al locale che scegliete di prendere in gestione. Quando si sceglie un ristorante, si scelgono anche tutte le attrezzature, gli arredi, le eventuali licenze e anche la sua nomea cioè la reputazione che il ristorante si è costruito durante gli anni.

Di conseguenza è necessario che il posto che avete scelto abbia una buona reputazioni, gli ambienti a norma e senza particolari migliorie da apportare.

Gli accorgimenti più importanti

  • Calcola approssimativamente il numero della clientela per fascia oraria.
  • Valuta la tipologia di clientela, ovvero se sono clienti abituali, famiglie, giovani, uomini d’affari, persone di passaggio, turisti, ecc.
  • Chiedi l’opinione dei clienti su servizio, menù e prezzi.
  • Controlla tutta l’attrezzatura. Deve essere a norma e in condizioni ottimali. Non dimenticare di controllare scarichi, frigoriferi ed impianti.
  • Scegli possibilmente una location con un ambiente già abbastanza gradevole e che non necessiti di troppe migliorie.
  • Informati su eventuali debiti e sulla reputazione.
  • Verifica le entrate e i costi di gestione (non devono essere superiori al 30% degli incassi)
  • Ottieni condizioni vantaggiose per l’affitto con un contratto flessibile.
  • Redigi un accurato piano finanziario.
  • Studia la location e le caratteristiche del locale. Questo implica parcheggi, visibilità, luminosità ecc.
  • Valuta la qualità dei prodotti, il menù ed il servizio.

Gli adempimenti necessari

Dopo esserti assicurato che il ristorante da te scelto sia la scelta migliore, assicurati che il costo per la sua presa in gestione sia adeguato.

Infine, ecco alcuni adempimenti burocratici.

  • Partita Iva.
  • Corso SAB e HACCP.
  • Iscrizione alla camera di commercio.
  • Comunicazione al comune per il cambio di gestione.
  • Rispetto delle norme sanitarie e di sicurezza con autorizzazione da parte dell’ Asl.

Acquista un buon software gestionale

Affidati a Ristomanager, un gestionale per ristoranti che riesce soddisfare al meglio le esigenze di tutte le attività nel Food & Beverage.

Il software permette di gestire il servizio con velocità e precisione, tenere sotto controllo le scorte ed il magazzino, fidelizzare i clienti e analizzare l’andamento dell’attività.

Ristomanager è l’unico prodotto sul mercato che non necessita di una connessione internet. Funziona sfruttando il vostro PC come server locale, utilizzando la connessione interna della vostra rete.

Questa caratteristica è stata sviluppata dalla nostra esperienza nel campo della ristorazione. Infatti, alcune soluzioni software, funzionano solo online fermando interamente il ciclo di lavoro del ristoratore nei casi in cui la connessione internet risulti assente per problemi con il proprio Provider di rete.

Se sei interessato al nostro gestionale o vuoi sapere di più sulla gestione della tua attività ristorativa, clicca qui

Ristorante in gestione? Ecco cosa fare. ultima modifica: 2019-09-20T16:26:03+02:00 da Lucia Di Noi