Quali sono i piatti più ordinati al ristorante?

Veronica Balzano 6 Maggio 2022 0 commenti

Quali sono i piatti più ordinati al ristorante. Gli italiani preferiscono i piatti che intensificano le loro tradizioni e sono i preferiti nei ristoranti. E’ quanto afferma la ricerca promossa dal “Corriere della Sera”. I sondaggi confermano quanto siamo vicini ai gusti tradizionali. L’assioma del gusto, in viaggio da nord a sud, da Milano alla cucina napoletana.

Un attento esame del quotidiano di Solferino ha riguardato alcuni dei più importanti ristoranti e trattorie della penisola. I risultati non lasciano spazio a sorprese. Gli italiani amano il cibo delizioso e tradizionale. La sperimentazione è vietata, e in Italia è comunemente consumata senza vistose eccezioni. I buongustai ne valgono la pena, ma la cucina della mamma vince. La cucina della mamma esalta il gusto della terra e conserva in ottima salute le tradizioni gastronomiche.

I piatti più ordinati al ristorante dal Nord al Sud Italia

Quali sono i piatti più ordinati al ristorante

Ossobuco

Il piatto più diffuso, soprattutto a Milano, è un insieme di sapori noto come “Ossobuco con Risotto”. Un connubio di sapori molto apprezzato dai milanesi e dai turisti che anche il famoso Cassoula, altro grande fondatore della cucina milanese, può ignorare.

L’ossobuco è uno stinco di vitello, la parte centrale del dorso, con abbondante carne tenera intorno all’osso, ma non la parte anteriore. Per definizione settecentesca, l’ossobuco veniva preparato quasi regolarmente senza aggiunta di pomodoro sin dalla fine del XVIII secolo.

Per definizione settecentesca, l’ossobuco veniva preparato quasi regolarmente senza aggiunta di pomodoro sin dalla fine del XVIII secolo. Si riferisce al piatto comunemente noto come ossobuco a Milano Gremolade. La gremolada è una salsa a base di scorza di limone affettata, rosmarino, aglio e prezzemolo, con il limone per mantenere il suo caratteristico sapore rococò.

Tortellini in brodo

Quali sono i piatti più ordinati al ristorante

Un altro piatto tipico, particolarmente apprezzato durante i freddi mesi invernali, è il tortellino in brodo. Orgoglio dell’Emilia, di cui Bologna e provincia vanno particolarmente fieri, questo piatto si è rapidamente diffuso in tutta Italia ed è diventato uno dei piatti principali delle cene domenicali.

Il 7 dicembre 1974 la Confraternita del Tortellino e l’Accademia Italiana di Culinaria istituirono all’interno una farina e un uovo di spessore 6/10 mm. , filetto di maiale, prosciutto crudo, mortadella bolognese, parmigiano reggiano, uovo e noce moscata. Secondo la tradizione emiliana i tortellini vanno cucinati e consumati rigorosamente in un buon brodo di carne di manzo e cappone o pollo.

Nella Bassa Mantova, al confine con Reggio, nelle feste e nelle famiglie contadine più importanti, i tortellini vengono cotti nel brodo di pollo o di cappone e poi serviti in una terrina con un po’ di brodo lambrusco (vino rosso frizzante). Questa variante tradizionale è chiamata “Bevrin vin”.
Una ricetta che si è diffusa dagli anni ’70 sono i tortellini di timballo, ovvero tortellini cotti al forno mescolati con altri ingredienti (besciamella, ragù, parmigiano reggiano) e avvolti in una pasta frolla.

Canederli

Quali sono i piatti più ordinati al ristorante

Facendo attenzione alle papille gustative dell’Alto Adiga, è difficile trovare un altoatesino che non elevi gli gnocchi in un piatto più saporito. A Bolzano e dintorni, mangiate invitanti polpette di pane e ciccioli. Questa prelibatezza rotonda viene spesso servita in diverse soluzioni a seconda della fantasia delle massaie e degli chef locali.

Molte sono le ricette per fare gli gnocchi in tutta Europa, divenute tradizione in diversi paesi e in altre regioni del Trentino stesso. Secondo la tradizione altoatesina si mangia il martedì, giovedì e domenica, e si possono aggiungere speks o pancette solo nei giorni festivi.
Un ingrediente che distingue gli gnocchi trentini dagli gnocchi tirolesi: Gli gnocchi di pane bianco vecchio, cipolla verde, uovo, funghi e cipolla sono alla tirolese e con l’aggiunta di ruganega affumicata.

Dopo che la ricetta si è diffusa nel resto della penisola, il nord e il sud si mescolano bene. Provate davvero gli gnocchi con la salsa. Una deliziosa interpretazione della cucina altoatesina. Interessante anche una variante degli gnocchi al formaggio chiamata KäseKnödel, a base di un impasto di formaggio di montagna, uova, pane raffermo, cipolle verdi, latte, burro e cipolle.

Agnolotti

Quali sono i piatti più ordinati al ristorante

Non si può ignorare Sua Maestà Anoloto rimanendo sul meridiano del Gusto del Nord. Uno stufato di carne e verdure al burro e un piatto piemontese sono molto apprezzati dai torinesi, ma i turisti non sono immuni dal fascino di questa ricca cucina savoiarda. Gli agnolotti piemontesi o più semplicemente agnolotti (agnolot o gnolot piemontesi) sono una pasta ripiena tradizionale delle regioni piemontesi dell’Astesana e del Monferrato, in particolare delle province di Alessandria e Asti, ma è diffusa in tutta la regione. Esistono varianti di agnolotti, compresi gli agnolotti pavesi con diversi ripieni a base di stufato.
L’origine del nome non è chiara. La tradizione popolare vuole che la ricetta sia stata formulata da uno chef monferrino di nome Angiolino, detto Angelot. Più tardi, la specialità di Angelot sarebbe ora l’Agnolotto.

La forma tradizionale è quadrata e riempita con due fogli di pasta all’uovo. La caratteristica principale dello gnolotto piemontese è che utilizzano carne alla griglia per il ripieno rispetto ad altri ristoranti di pasta ripiena in Italia.
Le Langhe e il Monferrato sono caratterizzate da una forma piccola e per lo più rettangolare, agnolotti del plin o al plin. Unico in tutto il Piemonte e tipico del paese di Calliano in provincia di Asti sono gli agnolotti d’asino, che, contrariamente alla norma, sono ripieni di carne d’asino.

Pasta alla genovese

Quali sono i piatti più ordinati al ristorante

Difficile resistere a Genova in termini di gusto meridionale. Il nome può essere sbagliato, ma i piatti a base di carne e cipolla alla griglia sono napoletani. La leggenda narra che sia stato creato grazie al genio culinario di un inventore, uno chef napoletano soprannominato “o genoves”.

Ci sono molte teorie sull’origine di questo piatto. È meno probabile che siano coloro che vogliono cibo di origine genovese o lavorano con un anonimo chef genovese che lavorò nel porto della città di Napoli tra il XIV e il XV secolo. Genovese è un cognome abbastanza diffuso in Campania, quindi le ricette potrebbero riferirsi al nome dell’inventore. Una delle ipotesi più attendibili, anche se meno citata, è che il nome di questa fonte sia legato a un mercenario svizzero che si trovava in città al momento della scoperta delle prime tracce.

Bucatini alla gricia

Quali sono i piatti più ordinati al ristorante

Il trionfo del pecorino, pepe e cipolla, gli antenati della defunta Amatriciana, piatto antico, sembra essere stato inventato dai pastori romani rurali, che utilizzavano pochi ingredienti a loro disposizione per un piatto semplice ma corposo.

Ti potrebbe interessare anche: Dolci ristorante: i più venduti di sempre