Licenza alcolici per bar e ristoranti

Veronica Balzano 4 Gennaio 2022 0 commenti

Licenza alcolici, cos’è e come ottenerla per poter servire alcolici all’interno del tuo bar o ristorante? Scopriamo insieme di cosa stiamo parlando.

Una licenza per alcolici è un permesso rilasciato dallo stato per vendere alcolici che varia a seconda di dove si vive. Ci sono molti tipi diversi di regolamenti in vigore per ogni singola località, ma una cosa che tutti ci insegnano su come possedere e gestire un locale con questo tipo di permesso.

Una licenza alcolici è la chiave per gestire un bar o un ristorante di successo. Per esempio, è importante in certi stati come l’Oregon, dove il bere influisce direttamente sulla salute pubblica, impedendo ai guidatori intossicati di guidare veicoli e causare incidenti su strade con alti volumi di traffico (Oregon Department Of Transportation).
Ci sono molte altre restrizioni che possono variare a seconda di dove si vive, come il numero di bevande per cliente che ci è permesso prima di bere il loro ultimo sorso di alcol nel nostro locale, oltre a lasciare bottiglie non finite per altri che possono essere meno fortunati di noi, quindi queste leggi aiutano a mantenere tutti al sicuro!

Una licenza alcolici è un documento legale che permette la vendita e il consumo di bevande alcoliche.
È importante notare, tuttavia, che questo non significa necessariamente che si può iniziare a servire bevande subito! Avrete prima bisogno dell’approvazione del vostro governo statale e delle autorità locali per poter iniziare a vendere alcolici.

Come ottenere una licenza alcolici?

Come menzionato sopra, ogni stato ha le proprie regole e regolamenti riguardanti le licenze per gli alcolici. Per capire meglio le leggi del vostro stato su come ottenere una licenza in quella specifica località c’è un’agenzia che potete contattare per ulteriori informazioni.

In Italia: La licenza fiscale per la vendita di prodotti alcolici è stata reintrodotta e si applicherà a molte attività produttive che ne erano esentate dal 2017. Lo ha annunciato la Dogana sul proprio sito, con la nota numero 18 luglio 2019 n. 83760.

La nuova legge ha ripristinato l’obbligo per gli esercizi pubblici che vendono bevande alcoliche di segnalare l’attivazione e di ottenere licenze fiscali dalla dogana. Questo è dovuto ai cambiamenti nel quadro normativo, il che significa che non si può più fare affidamento sul vecchio contenuto della direttiva.

Licenza alcolici: diversi tipi

I due diversi tipi di licenze che si possono ottenere per vendere alcolici sono una licenza on-licensed e una off-licensed. On-licensed licenza, è per i luoghi che intendono servire bevande all’interno dei loro locali mentre la licenza off si applica in circostanze più limitate come i negozi di liquori dove i clienti berranno solo fuori dal negozio quindi hanno bisogno di questo tipo se un bar o un ristorante con i suoi clienti che consumano bevande alcoliche nelle vicinanze.

Quando sei pronto a richiedere la licenza per alcolici del tuo stato, ci sono molte classi diverse che si possono trovare. Nella maggior parte degli stati queste licenze sono disponibili in una delle tre varietà: Distributore di liquori da taverna (per coloro che gestiscono principalmente attività che vendono bevande alcoliche), Rivenditore/distributore di birra e vino (vendite limitate solo dalla quantità) o Ristoratori con diritto a tutti i tipi di cocktail luminosi comprese le sode di champagne!

Richiedere la licenza alcolici

Una volta che sai quale licenza è giusta per il tuo ristorante, contatta l’agenzia appropriata per acquisire i moduli di domanda. Il processo comporta la compilazione di una lunga lista di informazioni e l’invio di tutta la documentazione richiesta entro un certo periodo di tempo – di solito 30 giorni o meno da quando sono stati inviati – quindi assicuratevi che quella scadenza non passi!

Una licenza per alcolici è un permesso speciale che ti permette di vendere alcolici nel tuo locale. Il costo e i requisiti per ottenerne una possono variare da città a città, ma di solito vanno da 12 a 400 mila dollari (con alcune eccezioni).

Licenza UTF obbligatoria dal 2019

Nel 2019, il governo ha introdotto una nuova legge che richiede ai titolari di licenze per alcolici di essere presenti nel loro locale il 30 giugno.

Dal 1° giugno 2018, è obbligatorio presentare la licenza UTF oltre ai pubblici esercizi come ristoranti e alberghi. Vale anche per gli esercizi all’ingrosso che non sono mai venuti meno a questo obbligo prima, ma che fino ad ora non erano menzionati specificamente dalla legge o dalla consuetudine.

La vendita di qualsiasi bevanda alcolica, come alcolici e vino per il consumo fuori dai locali non è più soggetta a denuncia per la legge italiana. Questo include stabilimenti annessi come hotel o caffè dove l’alcol è servito con i pasti nella cultura italiana.

Ti potrebbe interessare anche: Prendere in gestione una pizzeria: consigli