Donne e ristorazione: le imprese al femminile

Veronica Balzano 21 Marzo 2022 0 commenti

Donne e ristorazione. Come si può dire “il posto di una donna è la cucina”, ma con lo chef la situazione è diversa. Nessuno è bravo in cucina come le madri e le nonne, ma se si guardano gli chef stellati, il rapporto globale è solo del 4%. Quindi sorge la domanda. Cosa pensiamo del sessismo nel mondo del cibo? Non bene. grazie. Per essere più precisi, possiamo vederli essere qualche passo avanti, ma gli stereotipi rimangono dove vogliamo vederli. Ma valutiamo la situazione, perché c’è qualcosa da discutere per tutti i gusti, dal cosiddetto ‘menù educato’ alla propensione verso i clienti che hanno ‘gusto migliore’.

Donne e ristorazione

Cominciamo subito con il cosiddetto problema della “separazione verticale”. Nonostante le enormi sfide di questo periodo, nel mondo della ristorazione ci sono molte donne ben formate e capaci. Secondo il censimento FIPE condotto in Italia lo scorso anno, circa un terzo dei 336.000 esercizi di ristorazione sono gestiti da donne. Inoltre, più della metà (1,2 milioni di dipendenti) dei dipendenti che lavorano nel settore della ristorazione sono donne (52%).

Donne e ristorazione

Donne e ristorazione

La separazione verticale si riferisce a una concentrazione di una delle due vene in una posizione specifica in uno spazio di lavoro specifico. Scala di qualsiasi metodo gerarchico: collaborazione con la posizione di gestione del luogo di impiego nonché un alto contenuto tecnico. Linee guida per lavoro, qualifiche elevate o basse, specializzazione di reputazione più ampia o inferiore, bonus e benefici, instabilità o contratti stabili, interi o part-time. Esempi tipici dell’isolamento verticale di genere sono a scuola: le popolazioni degli insegnanti non hanno un rischio “stato” maschile, ma la maggior parte dei leader della scuola sono per lo più maschile.

Donne e ristorazione

Il problema è che ci sono molti ostacoli e molti chef non arrivano ai piani superiori. Secondo la Guida Michelin, ci sono ancora pochissimi chef stellati nel mondo. Ad esempio, in Francia, culla della nuova cucina, ci sono solo 16 chef stellati su 621, mentre in Italia, 45 su 367, oltre il 7%, le donne hanno una quota leggermente superiore.

Se ciò non bastasse, ci ritroveremo forse con il pregiudizio più comune: il pregiudizio del cliente. L’idea che ci siano gusti “femminili” persiste, poiché tutte le donne preferiscono all’unanimità determinati cibi e vini. La giornalista e critica gastronomica Georgia Cannarella ha dichiarato: “A una degustazione di vini liguri mi è stato detto che le donne preferiscono i vini aromatici molto più degli uomini. , ha accennato) è successo quando le donne hanno iniziato a bere vino più regolarmente.

Donne e ristorazione: i posti di lavoro

Donne e ristorazione

Dopotutto, sappiamo anche che il mondo è pieno di queste credenze, ma c’è una base scientifica per esse? “Ricordo di aver chiesto al professore di chimica del gusto a Pollenzo se ci fosse qualche differenza di gusto tra uomini e donne. Ha detto di no”, ha scritto il giornalista. E il livello di patriarcato arriva, come ben sappiamo, al fatto che alle donne viene offerto un menu costoso e le liste dei vini sono offerte solo agli uomini.

Donne e ristorazione

348.000 donne in Italia lavorano in ristoranti e bar. È una delle poche categorie in cui l’occupazione femminile è superiore a quella maschile. Infatti, il 54% dei nostri dipendenti sono donne. Lo afferma Luciano Sbraga, Direttore dell’Ufficio Studi della Federazione Italiana Movimento Pubblico (Fipe), associazione leader nel settore della ristorazione, dello spettacolo e del turismo con oltre 300mila aziende. Impiega circa 1 milione di persone e ha un valore aggiunto di oltre 40 miliardi di euro. Pertanto, l’occupazione femminile in questo settore non è discriminata e, purtroppo, continua per molte altre professioni. Da nord a sud, bar e ristoranti sono dominati da personale femminile, dagli chef ai chioschi. Le donne sono per lo più nei ristoranti e i contratti part-time molto richiesti e utilizzati in questo settore potrebbero essere più facili. Le donne costituiscono circa il 40% di tutti i contratti.

Conclusioni

Donne e ristorazione

Quando il 72% di un intervista chef è in una mano, dove succede in un posto dove succede, ha detto che aveva molti ostacoli perché aveva molti ostacoli. Tre (60%) affermano che una persona promuova un percorso pubblicamente di lavoro. Sono fiducioso che il 60% degli intervistati non avesse una donna chef nel ristorante dove lavora, ma il numero di donne (52%) (52%) era fiducioso che il numero di chef è aumentato negli ultimi cinque anni. Tra coloro che hanno uno chef maschio in cucina, il 68% può cambiare questa situazione non appena questa decisione non ha rilevante per un tipo di accessori e potenziali clienti. Nello chef italiano, ci sono altri famosi chef per molti anni. La maggior parte delle note riconosciute da coloro che hanno risposto al sondaggio sono Anthony Clogmann (7%), Cristina Bungman (6%), NADIA SANI (5%), Annie Feldo (4%) e Vivian Varese (3%).