Licenza chiosco ambulante: tutto quello che c’è da sapere

autore articolo Veronica Balzano data articolo 6 Novembre 2022 commenti articolo 0 commenti

Desideri aprire un servizio di ristorazione itinerante? Ci sono alcune regole che dovresti conoscerti prima di imbarcarti in una simile impresa. Oggi parleremo della licenza chiosco ambulante, necessaria per l’apertura di una simile attività di ristorazione.

licenza chiosco ambulante

La caratteristica principale di questo lavoro imprenditoriale consiste nel fare delle scelte riguardo ai luoghi dove fermarsi, cercando di individuare quali sono le zone più frequentate. Per esempio: se il focus del vostro chiosco è la vendita di gelati, allora sarebbe opportuno scegliere una zona vicino alle scuole o ad altri luoghi frequentati dai bambini, in modo che anche gli adulti entrino in contatto con voi mentre sono in giro con i loro figli!

Informazioni preliminari

Vuoi aprire un chiosco? Il primo passo è organizzare l’acquisto delle attrezzature. Puoi farlo inizialmente comprando usato, o se preferisci nuovi strumenti e macchine approfitta di alcune opzioni di finanziamento europeo per giovani imprenditori nel tuo paese! Collegati con le informazioni su dove/come si accede ai fondi disponibili a livello locale, o vai direttamente negli uffici del comune e chiedi informazioni.

image 12

Per acquistare un piccolo veicolo è necessario un capitale iniziale di 10.000 o 12.000 euro. Consideriamo anche il costo delle materie prime e degli altri beni utilizzati nella nostra vendita quando scegliamo quale società lo farà per noi; le società per azioni non possono svolgere questo tipo di attività mentre le società a responsabilità limitata possono gestirla con facilità in quanto hanno più denaro bancario a disposizione – assicurati solo di sapere quali sono le differenze tra loro!

Ora che ti sei fatto un’idea di cosa ti serva per avviare un’attività di ristorazione itinerante, non dimenticare una delle cose più importanti: la licenza chiosco ambulante. Infatti, per poter dar inizio a questo tipo di avventura è necessario essere provvisti di un’apposita licenza chiosco ambulante.

Licenza chiosco ambulante: cosa c’è da sapere?

Le licenze di vendita sono divise in due categorie e devono essere richieste al comune di residenza.

Il primo tipo di licenza chiosco ambulante “A”, ci permette di allestire una postazione fissa in vari luoghi nei giorni feriali. Possiamo anche fermarci ai mercati in giro per la città senza invadere nessuna sezione dedicata ai venditori ambulanti con questo particolare permesso – solo quelli che sono stati designati come tali lo faranno!

Tuttavia, se si desidera una maggiore versatilità rispetto alla propria area locale, allora c’è la licenza chiosco ambulante di tipo B, che consente alle imprese di essere presenti in tutto il paese – anche qui, però, ci sono alcune limitazioni, soprattutto per quanto riguarda la distanza dalla base di partenza che sono in grado di raggiungere.

In particolare:

I commercianti di strada con uno stand che hanno il permesso di usare dal loro comune possono ottenere una licenza “A”. Questo tipo di autorizzazione è valido solo per un giorno e in tutta la regione, quindi è importante controllare prima se il tuo mercato o fiera rientra in questa categoria prima di fare domanda!

image 13

La licenza di tipo “B” per i commercianti ambulanti è stata creata dalle autorità comunali al fine di padroneggiare tutte le aree all’interno del loro paese, compresi i mercati o le fiere dove non ci può essere altrimenti nessuno presente responsabilità di manutenzione se non era già assegnato stand durante i periodi di costruzione.

Requisiti per l’apertura di un chiosco ambulante

Dopo aver ottenuto la licenza chiosco ambulante, è necessario individuare anche quali siano gli altri requisiti necessari all’apertura di una simile attività. Un chiosco ambulante ha specifici costi.

Per evitare errori e dimenticanze è consigliabile contattare un commercialista o un consulente esperto quando si apre un chiosco con sede fissa. Questo processo include la registrazione per l’IVA, i numeri Inps e le camere di commercio locali per regolare le finanze aziendali a livello locale ma anche online!

Costi apertura chiosco ambulante

Un chiosco può essere più costoso di altre attività in questo settore, ma hai bisogno di certe attrezzature per cucinare e conservare il cibo, il che dovrebbe avvenire anche nella tua sede o nella dispensa di casa; anche se è solo temporaneo fino a quando l’orario di apertura riprende!

I food truck sono un ottimo modo per portare cibo fresco e delizioso nella tua comunità. Richiedono un investimento di 25 – 30 mila euro (o più), ma con l’attrezzatura e i materiali giusti puoi farlo funzionare per meno di quanto speso per l’allestimento! Inoltre, ci saranno costi di gestione, così come tutte le forniture necessarie, come i latticini o i prodotti; questi variano a seconda di quante ore al giorno qualcuno li lavora insieme ad altri fattori come la posizione). Infine, se stanno guidando il proprio veicolo, le fonti di carburante hanno bisogno di ulteriore considerazione…

Ti potrebbe interessare anche: Food truck: Tutto quello che devi sapere