La dieta americana, in cosa consiste?

La dieta americana è una delle ultime novità che sta facendo il giro del web. Scopriamola insieme

Scopriamo il menù per dimagrire 4 kg in 3 giorni… e vediamo anche, come sempre nel caso di diete miracolose, il perché non può funzionare.

La dieta americana, secondo le migliaia di persone che dicono di averla provata, fa perdere anche 3 kg in 3 giorni. Come?

Con le solite parole magiche ovvero “fa bruciare i grassi in eccesso“.

Già che ci siamo, si mette dentro anche il concetto di “velocizzare il metabolismo” – cosa che noi abbiamo affrontato in diversi articoli – e attivazione del sistema endocrino“.

La cosa più grave di queste diete è che questi fattori, alla base, non sono sbagliati: il fatto è che fanno molta leva su ciò, ottengono credibilità e illudendo le persone che in 3 giorni si possa ottenere per davvero simili risultati.

Risultati come bruciare i grassi o regolarizzare il metabolismo si ottengono in mesi.

Il presunto funzionamento

La dieta americana andrebbe seguita alla lettera perché solo così può attivare la magia, applicata tramite l’abbinamento di determinati alimenti combinati apposta per dare una mossa a metabolismo e sistema ormonale. Si chiama anche dieta del supermetabolismo, molto simile a quella già trattata.

Il menù di esempio

Ecco un esempio di menù di dieta americana, realizzato attingendo da menù già proposti su altre fonti web generiche, dubitiamo fortemente della veridicità medica dei menù che si trovano in giro, prendete con le pinze quanto riportato qui sotto e andate da un nutrizionista esperto per approfondire.

Giorno uno

  • colazione: succo di pompelmo o arancia, una fetta di pane integrale, un cucchiaio di burro di arachidi al naturale o fatto in casa;
  • pranzo: 125 g di tonno naturale, una fetta di pane tostato, 1 caffé senza zucchero;
  • cena: 90 g di carne, 250 g di fagiolini, 250 di barbabietole o carote, una mela e 125 g di gelato alla vaniglia

Giorno due

  • colazione: un uovo sodo, una fetta di pane tostato, mezza banana, caffé senza zucchero;
  • pranzo: 125 g di tonno o 250 g di formaggio, 5 cracker salati;
  • cena: 250 g di broccoli, 125 g di carote, mezza banana e 125 g di gelato alla vaniglia

Giorno tre

  • colazione: un uovo sodo, una fetta di pane tostato, caffé senza zucchero;
  • pranzo: una fetta di formaggio (quale, non è dato sapere), 5 cracker salati, una mela piccola, caffé senza zucchero;
  • cena: 250 g di tonno (non si sa se fresco, in scatole, boh), 125 g di carote, 250 g di fagiolini, una mela o 250 g di melone e 125 g di gelato alla fragola
La dieta americana, in cosa consiste? ultima modifica: 2020-02-12T11:35:10+01:00 da Federico Grossini