Segnali negativi gestione ristorante: i 3 più importanti

autore articolo admin data articolo 20 Dicembre 2018 commenti articolo 0 commenti

Il ristorante è un’azienda a tutti gli effetti e, in quanto tale, va gestito secondo criteri ben precisi, valutando e pianificando costi e investimenti così come possibili azioni per migliorarne l’organizzazione. Un ristorante di successo è infatti prima di tutto un ristorante che funziona e quindi ben gestito e organizzato.

Segnali negativi gestione ristorante: come riconoscerli in tempo

Al contrario una cattiva gestione provoca, soprattutto nel lungo periodo, danni irreparabili che, oltre a riversarsi sulla reputazione e l’immagine del ristorante, rischiano poi di portare l’attività verso un fallimento assicurato. Per questo motivo, prima di arrivare ad un punto di non ritorno, è bene individuare eventuali segnali negativi o punti di debolezza del ristorante, su cui intervenire prima che sia troppo tardi.

Questi segnali riguardano aspetti diversi della gestione, che possono andare dalla gestione della cucina e dell’approvvigionamento del magazzino alla gestione delle ordinazioni e delle comande. Tuttavia, ve ne sono alcuni più importanti di altri che, se presenti, sono indice della necessità di un veloce cambio di rotta.

Segnali negativi gestione ristorante: i più preoccupanti

  1. Mancanza di materie prime
    Al di là della qualità delle materie prime, la cui ricerca dovrebbe rappresentare un obbligo per qualsiasi ristoratore, anche l’approvvigionamento potrebbe essere un problema. In realtà capita piuttosto di rado, eppure a volte la cucina si ritrova sprovvista delle ingredienti necessari per la preparazione dei piatti. Questo accade in quanto non è stato fatto un corretto e preciso approvvigionamento delle materie prime. Si tratta della tipica situazione in cui il cliente si trova ad aver ordinato qualcosa e gli viene risposto che il piatto non è disponibile o è esaurito. C’è da dire che soprattutto nei ristoranti a km 0, la politica è proprio questa: mettere a disposizione pochi piatti espressi ed evitare prodotti congelati o conservati troppo a lungo. Tuttavia, nel resto dei casi, il problema è da imputare a una cattiva gestione, che potrebbe essere risolta con un po’ di attenzione in più e una gestione automatizzata del magazzino.Gestione magazzino: scopri come organizzarla al meglio!
  2. Errori nelle comande
    Mentre il primo punto ha un impatto sulla cucina e sui piatti serviti, la gestione delle comande influisce pesantemente sul servizio. Un ordine errato o una dimenticanza nelle comande crea infatti notevoli disagi al cliente che, oltre a non sentirsi coccolato, ha anche l’impressione di trovarsi in un ristorante gestito in maniera approssimativa e superficiale. L’immagine percepita del servizio risulta negativa, il che comporta un allontanamento dei clienti dal ristorante. Non solo, anche un’eccessiva confusione, dovuta alla mancanza di organizzazione e coordinamento, può portare a dimenticanze o attese troppo lunghe e, di conseguenza, ancora una volta a critiche e recensioni negative. Anche in questo caso il problema dipende da una cattiva gestione, che potrebbe essere invece facilitata e ottimizzata facendo ricorso ad alcuni gestionali per ristoranti. Uno dei migliori attualmente sul mercato è Ristomanager, un software completo e facile da usare, che consente di gestire e organizzare al meglio ogni aspetto e attività della ristorazione: dalla gestione dei tavoli al magazzino, alla gestione del personale e delle comande. Ogni aspetto sarà sotto il controllo del manager o del titolare, che potrà così migliorare la propria gestione e portare il ristorante verso il successo.Problemi fastidiosi gestione ristorante: scopri di più!
  3. Personale non adeguato
    La gestione delle comande e della sala è molto importante. Tuttavia, al di là dell’organizzazione che può contribuire a migliorare il servizio, è importante che la sala sia gestita da personale competente e preparato. Un altro segnale negativo che è indice di una cattiva gestione è quindi la presenza di uno staff inadeguato e scortese. Se il personale non è informato correttamente su quello che è il proprio ruolo e le proprie mansioni, difficilmente riuscirà a far bene il suo lavoro. Prima di tutto, quindi, bisognerà assumere solo personale competente o eventualmente formare quello già esistente. Successivamente occorrerà anche gestirlo e supervisionarlo nella maniera più adeguata, cosa che è possibile fare ancora una volta avvalendosi di un buon gestionale per ristoranti. Ristomanager, ad esempio, offre fra le varie funzionalità anche quella relativa alla gestione del personale. In questo modo, potrà suddividere bene i ruoli e definire con esattezza le mansioni, evitando errori e sovrapposizioni che potrebbero solo generare confusione e peggiorare il servizio.
Segnali negativi gestione ristorante: i 3 più importanti ultima modifica: 2018-12-20T15:34:15+01:00 da admin