Poke bowl: nuovo food trend in Italia

Veronica Balzano 16 Maggio 2022 0 commenti

Se sei un fan della cucina nazionale e ami la consegna del cibo, probabilmente non conoscevi o non hai provato il famoso pocky, che ora sta invadendo l’Europa. Vediamo di cosa si tratta e da dove viene il Pokebowl. Troppe chiacchiere e qualcuno può dire che è diventato un fenomeno sociale. Basta il loro vasto pubblico per immaginare che riusciranno a sostituire il nostro amato sushi sul trono della cucina crudista.

Poke bowl

Una poke bowl è essenzialmente una ciotola contenente la maggior parte del pesce disossato tagliato a quadratini, riso bianco o Venere insieme a una varietà di verdure. Può essere polpo, tonno, salmone o gamberetti e le verdure includono cipolla verde, alghe, germogli di soia, pomodoro, ananas, cipolla verde, avocado, mango, sesamo e lime. Insomma, ognuno può scoprire cosa gli piace di più e aggiungere ai propri piatti ingredienti diversi a seconda dei propri gusti.

I poke, la parola hawaiana per “pohkay” significa letteralmente “tagliato a pezzi”. Un alimento base della cucina hawaiana, è sperimentato e apprezzato da tutti i viaggiatori nell’arcipelago della costa occidentale americana.
Questo tipo di cucina nasce intorno al 1800, e da quel momento si è diffuso e diffuso in molte città delle Isole Hawaii. Nel nostro paese è apparso negli ultimi 2-3 anni, ma negli Stati Uniti è obbligatorio da molto tempo perché vicino al luogo di origine.

Poke bowl: perché questo trend ha avuto successo?

Poke bowl

Di seguito diamo uno sguardo agli aspetti chiave che hanno reso le Poké Bowl un successo.


Innanzitutto, i Pokémon hanno ottenuto una buona risposta sotto forma di un contenitore comodo, pratico e facile da trasportare. È un’ottima scelta per un pranzo o una cena in ufficio prima di vedere un bel film o per un picnic nel parco in una giornata di sole. E questi sono solo alcuni esempi di come puoi mangiare delle ottime pokeball. Continuiamo… Un secondo fattore che ha giocato un ruolo fondamentale nel proliferare di questa particolare cucina è stato il crescente utilizzo di piattaforme online da parte di persone di tutte le età per selezionare e ordinare cibi veloci ed economici.

Inoltre, secondo alcuni nutrizionisti, il poke è nella lista dei piatti sani e salutari perché, a differenza del sushi, nella preparazione e nel decapaggio del pesce non viene utilizzato zucchero. Ma la cucina dovrebbe avere sempre gli ingredienti più freschi e naturali. Altrimenti, il nostro stufato preferito potrebbe facilmente trasformarsi in un piatto “della morte”.
Conosciuto anche in gergo come “poker”, molti bar e ristoranti specializzati in questo piatto offrono ai consumatori la possibilità di selezionare e personalizzare il piatto.

Quindi, mentre il menu presenta alcuni dei piatti e delle combinazioni più venduti e più classici, hai anche la possibilità di creare le tue poke ball a tuo piacimento.
Infine, oltre a tutti questi fattori che rendono il poker sempre più popolare, c’è un altro aspetto fondamentale. Questa è estetica. Sta davvero attirando l’attenzione. Sembrano quasi vasi pieni di fiori luminosi. Le forchette sono un ottimo soggetto per la fotografia. Per i ragazzi più “sociali”, non è un piatto indispensabile sulle pagine di cibo, sui social o sui blog… Quindi, grazie ai suoi ingredienti molto vivaci e dai colori vivaci, il maiale ha affascinato e incuriosito molte persone.

Pranzo sano e veloce con la poke bowl

Poke bowl

Per un pranzo o una cena veloce e salutare, le poke ball sono un piatto unico e colorato che è la quintessenza del cibo hawaiano, ma nel tempo si è fuso anche con la cucina coreana e giapponese. È entrato nella nostra cucina come piatto di tendenza, ma soprattutto è facile da preparare, sano e leggero.

Il modo più semplice e veloce per preparare vol Poke è ispirato alla cucina hawaiana, diventata una vera e propria tendenza culinaria che ha conquistato il mondo nel 21° secolo. Ha avuto origine dalla merenda dei pescatori del Pacifico, che erano soliti tagliare a pezzetti il ​​pesce avanzato dalla battuta di pesca e mescolarlo con sale marino e alghe e mangiarlo con il riso.

Quindi, una poke bowl è una ciotola di forma rotonda dal termine inglese “bowl” composta da pesce in salamoia e affettato combinato con riso, insalata, frutta, verdura e salse varie. La maggior parte sono crudi, ma ci sono anche varianti cotte.
Si può fare con tonno crudo già soffiato e marinato con cipolle e semi di sesamo, avocado, pepe o peperoncino, mango, spinaci e ravanelli. La combinazione di pesce, frutta e verdura è ormai nota anche nei ristoranti.

È leggero e nutriente perché contiene carboidrati, proteine, frutta e verdura in un piatto. Le vitamine e, soprattutto, i sapori e i colori ricchi sono la ragione del calo demografico: la varietà e la semplicità con cui viene preparato questo piatto.
La versione dolce delle Poke Ball condite con frutta e salsa dolce o marmellata è molto popolare. Dopotutto, non è solo cucinare, è una filosofia che combina tanti ingredienti in piatti creativi, veloci, sani ed equilibrati.

Mangiare sano al ristorante: è possibile

Nella maggior parte dei ristoranti, la scelta di cibi nutrienti sembra un compito arduo. Soprattutto se il menu ha descrizioni appetitose o foto allettanti, ti fa venire fame. Se non mangi troppo spesso, puoi concederti cibi buoni ma non salutari. Tuttavia, se mangi spesso al ristorante, devi sapere come trovare il cibo più sano.

La maggior parte dei ristoranti ha almeno alcune opzioni salutari da mostrare nel proprio menu. A seconda della dieta alla moda, il ristorante può offrire un menu separato. Ad esempio, puoi trovare opzioni a basso contenuto di grassi, senza glutine o senza carboidrati.

Tutte le insalate sono deliziose? Molti di loro sono particolarmente ricchi di verdure, erbe e frutta, ma l’aggiunta di una crema densa e di formaggio può comunque darti troppi grassi e calorie. Ordina invece una vinaigrette leggera o usa il succo di limone o lime. Evita le insalate di taco o le insalate di pollo perché sono ricche di grassi, calorie e sodio.
Per dessert, opta per frutta fresca o frutti di bosco invece di dessert ipercalorici come torte, crostate e gelati.

Ti potrebbe interessare anche: Menù vegano o vegetariano: ecco alcune idee