Packaging sostenibile industria alimentare

Veronica Balzano 18 Maggio 2022 0 commenti

Packaging sostenibile. I sempre più numerosi acquisti di cibo da asporto hanno reso possibile un’aumento di consumo di plastica per gli imballaggi. Ovviamente questa situazione tende a produrre un effetto negativo sull’ambiente. Per questo motivo, si sente sempre di più la necessità di optare per il packaging sostenibile. L’Unione Europea ha parlato chiaro in merito, entro il 2030 tutti gli imballaggi dovranno essere riciclabili. Affinché ciò sia possibile è necessario che alla plastica subentrino dei materiali alternativi.

Stiamo parlando di alghe marine, miscele prodotte con fibre di legno o polimeri di argilla o bucce d’avena, ma non solo. E’ possibile anche optare per la carta certificata come materiale di imballaggio. Infatti sembra proprio che i sacchetti di carta rispondano bene all’impatto ambientale, quindi optare per questa soluzione potrebbe essere gradito. Ovviamente non tutta la carta è sostenibile, basta verificare che presenti il marchio PEFC. Ciò significa che le foreste e le piantagioni dalle quali deriva la carta devono essere gestite secondo parametri molto severi di tutela dell’ambiente.

Ma quali sono i materiali adatti ad un packaging sostenibile?

Packaging sostenibile

Visto l’aumento sostanziale di interesse dei consumatori per altre soluzioni planetarie , tutte le aziende che operano nel settore ora portano l’etichetta “sostenibile”. Le pratiche più comuni in questa direzione vanno dal sostegno all’agricoltura rigenerativa o alla riduzione dell’uso di proteine ​​di origine animale, e più in generale di carbonio.

Sembra che l’imballaggio sostenibile assumerà un ruolo sempre più importante nei prossimi anni, poiché le preferenze dei consumatori si spostano verso prodotti veramente sostenibili a 360 gradi.

Ecco i 5 esempi più interessanti che possono ispirare esperti del settore alimentare consumatori che mirano a cambiamenti duraturi

Mycelium

Packaging sostenibile

Il micelio è un materiale innovativo molto simile a quello ottenuto attraverso un processo di bioingegneria all’avanguardia che prevede l’applicazione di rami filamentosi di origine fungina e leganti come tipologia di scarto agricolo.

Questo processo consente al materiale di raggiungere la fase di crescita in meno di una settimana, trasformando i rifiuti  e allo stesso tempo assorbendo anidride carbonica dall’atmosfera, determinando così un’impronta di carbonio neutra o addirittura negativa .

Tutti questi vantaggi sono combinati con un costo equivalente a quello del più comune polistirene , offrendo un biodegradabile, facile da modellare in qualsiasi forma, resistente alla luce, ma anche idrofobo e ignifugo.

L’unico inconveniente di questo prodotto è la durata, poiché il suo periodo di decomposizione è di circa mesi. Ovviamente questo è un problema per le imprese che operano su lunghe distanze, ma potrebbe al contrario rappresentare un’ulteriore riflessione sulla necessità di un’evoluzione verso l’accorciamento delle filiere.

Poli-B-Idrossibutirrato (PHB)

Packaging sostenibile

Sebbene sia presente in natura da molto tempo, è solo di recente che alcune aziende hanno avviato ricerche su come sviluppare materiali in bioplastica, e i primi positivi di questa ricerca stanno iniziando a muoversi verso il mercato, applicato ad un’ampia gamma di settori che vanno dal tessile all’arredamento.

Circa il settore alimentare , l’esempio più importante è rappresentato da AirCarbon, che con la sua innovativa tecnologia brevettata fornisce soluzioni di confezionamento resistenti, biodegradabili e circolari: al termine del suo utilizzo, in effetti, tale materiale avviene in modo tale da consentire la replica della propria produzione, portando a un ciclo che potrebbe essere potenzialmente perpetuo se gestito dalla giusta tecnologia. viene elaborato dalla giusta tecnologia.

L’adozione coerente di questo tipo di PHB nel settore potrebbe quindi avere un impatto sulla riduzione dell’inquinamento ambientale e delle microplastiche nei nostri oceani In questo modo si avvierà un processo di mitigazione con tutte le conseguenze che ne derivano a livello di la salute del pianeta e delle persone.

Pasta di cellullosa

Si tratta di un materiale molto simile al cartonato. Però a differenza di quest’ultimo, nasce attraverso il riciclaggio e la successiva lavorazione di diversi materiali fibrosi come ad esempio la carta, canna da zucchero, o fibre di grano o bambù. La macerazione non prevede l’utilizzo di prodotti e avviene in assenza di acque reflue, in quanto l’acqua utilizzata viene evaporata o riutilizzata più volte. Poi a differenza del cartone , la polpa di cellulosa modellata in qualsiasi forma richiesta e non richiede assemblaggio, il che rende il processo più semplice e veloce e porta a un prodotto finale più forte.

Sebbene non sia una soluzione particolarmente recente, la tecnologia relativa alla sua produzione è notevolmente migliorata negli ultimi anni, risultando in un aspetto più sofisticato e rendendo così una soluzione adeguata per le aziende più esigenti che puntano al proprio consumatore un’esperienza di qualità che supera un’innovazione sostenibile.

Packaging sostenibile a base di alghe

Diverse varietà di alghe hanno guadagnato importanza negli ultimi anni come preziosa fonte di e come possibile soluzione per rendere il nostro sistema alimentare sostenibile e accessibile.

Attraverso l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia, le alghe vengono lavorate per ottenere una pellicola trasparente che può essere utilizzata come contenitore ermetico per liquidi o per avvolgere qualsiasi tipo di alimento.

A tal proposito un esempio interessante in questo senso si può trovare nelle soluzioni proposte dalla startup britannica Notpla, che fornisce al consumatore non solo l’accesso a imballaggi sostenibili adatti a tutti i suoi preferiti prodotti, ma anche un’ottima fonte di nutrimento che può essere consumata dopo aver finito il cibo o la bevanda che contiene.

Imballaggi a base di amido di mais

L’imballaggio a base di amido di mais è una delle opzioni sostenibili più popolari per la conservazione del trasporto alimentare, ed è probabile che tu l’abbia incontrato almeno una volta volte se sei un normale consumatore da asporto. Questo materiale biodegradabile è ottenuto dagli zuccheri contenuti nell’amido di mais e dalla successiva innovazione dell’acido polilattico risultante, e può essere quello di creare vassoi, posate, bicchieri o borse della spesa particolarmente resistenti. Se riciclata correttamente, la bioplastica dell’amido di mais si decompone in sei mesi, ma quei tempi possono essere in modo esponenziale quando l’apporto di luce e ossigeno non è sufficiente, è quindi importante che i consumatori siano debitamente informato delle pratiche da seguire.

Inoltre, oltre ad essere biodegradabile, questo materiale ha un impatto molto inferiore rispetto alla plastica tradizionale a livello di processo produttivo, offrendo alle aziende un’alternativa eccellente e allo stesso tempo redditizia.

Ti potrebbe interessare anche: Food packaging come canale di comunicazione?