I migliori 10 ristoranti in Trentino Alto Adige

autore articolo admin data articolo 12 settembre 2018 commenti articolo 0 commenti

Il Trentino Alto Adige è una regione  situata nel Nord Italia, al confine con l’Austria e la Svizzera. I suoi abitanti hanno subito una forte influenza austriaca, tant’è che parlano fluentemente sia l’italiano che il tedesco. Questa forte influenza si manifesta naturalmente anche nella cucina. Bisogna però fare una netta distinzione tra le due province di Trento e Bolzano, che fanno capo rispettivamente alle zone del Trentino e dell’Alto Adige. La cucina naturalmente cambia nelle due province, grazie alle diverse influenze che questi territori hanno subito negli anni.

La cucina trentina è molto ricca e sostanziosa, adatta al clima rigido invernale e alle basse temperature. Questo tipo di cucina è molto varia di alimenti provenienti dalla terra, le verdure e la frutta, le carni rosse e i pesci d’acqua dolce, che abbondano nei corsi d’acqua.

Tra i primi piatti vi sono i Canederli, ovvero grossi gnocchi di pane raffermo, insaporiti con tanti aromi, affettati e formaggi; sono spesso serviti con i loro stessi sughi di cottura, con il classico condimento burro e salvia, o ancora con sugo al pomodoro. Un primo piatto simile ai Canederli sono gli strozzapreti, realizzati con pane raffermo e insaporiti con gli spinaci. Anche le minestre rappresentano una buona alternativa ed in Trentino ne vengono preparate davvero per tutti i gusti, da quella di orzo e verdure fino a quella di farina gialla con crauti.

I secondi piatti tipici di questa zona si dividono tra quelli di carne e quelli di pesce. Tra i piatti di carne ci sono lo stufato, gli Osèi scampadi, una sorta di saltimbocca preparati con carne, lardo e salvia, e la Carne salada, un salume tipicamente servito con un’insalata di fagioli. Per quanto riguarda i piatti di pesce invece, le trote salmonate la fanno da padrone nell’intera cucina trentina.

Il dolce più famoso è lo Strudel, a base di mela. Gli ingredienti principali dello Strudel sono ovviamente le mele, l’uvetta, le noci e i biscotti sbriciolati. Viene solitamente servito accompagnato da una spolverizzata di zucchero a velo, della panna montata o, per i più laboriosi, da una buona crema inglese da fare al momento.

Gli altri dolci tipici del territorio sono gli Strauben, dolce fritto a base di farina, latte e grappa, i Grostoi, le classiche Chiacchere italiane, gli Smorrn, una sorta di Crêpe arrotolata e tagliuzzata, ed infine i Vanillekipferl, dei biscottini natalizi alla vaniglia a forma di cornetto.

La cucina altoatesina invece, si rifà molto di più alla cucina della vicina Austria. Anche qui tra i primi piatti non si possono non citare i Canederli, insaporiti in questo caso dallo Speck. Un altro primo piatto tradizionale sono gli Spätzle, gnocchetti cotti nell’acqua salata bollente, conditi con burro e panna.

I secondi piatti sono rappresentati principalmente da diversi piatti di carne. Infatti, oltre a trovare la classica spalla di agnello e i tradizionali Wurstel, si trova anche la carne di castrato, oppure la carne di cervo e di capriolo. Anche qui naturalmente la trota è un pesce comune e viene cucinata in molti modi diversi, ad esempio con i funghi, aromatizzata con l’aneto e affumicata al momento della cottura, per darle un buon sapore intenso di rustico e di tradizione.

In tema di dolci non può mancare la torta al grano saraceno, tipica tirolese, viene preparata con parti uguali di farina di grano saraceno, burro, zucchero, mandorle grattugiate e aggiunta di uova.

Ora vi riportiamo il nome di 10 Migliori Ristoranti dove degustare questi deliziosi piatti tipici.

Terra Auener Hof” di Sarentino – Lo stile dello chef è lineare: semplificare, asciugare, concentrare senza ricorrere a grassi superflui, esaltando le materie prime e raffinando anche quelle più impegnative come, ad esempio, il cavolfiore che viene presentato disidratato, in crema con aceto balsamico e marinato alle erbe.

St. Hubertus di San Cassiano in  Badia – eccellenza per la territorialità e la stagionalità dei prodotti, combinate per rievocare la tradizione.

Jasmin di Chiusa –  solo due menù degustazioni, uno di mare e uno a sorpresa, da indicare al momento della prenotazione.

Trenkerstube di Castel Tirolo – Le basi di questa cucina sono gli ingredienti freschi e naturali, scelti personalmente da Gerhard Wieser. Molti di questi prodotti di base provengono dalla regione.

Gourmetstube Einhorn di Mules – piatti dal tocco speciale che abbinano tradizione e modernità, peculiarità locali ed ispirazioni mondiali, ricette consolidate e sempre nuove, per offrire un’esclusiva esperienza del gusto

Locanda Margon (Ravina di Trento) – Due percorsi nel gusto: la ricerca, con le bollicine Ferrari che entrano a far parte integrante del piatto, e il territorio, con la celebrazione della cultura trentina.

El Molin (Cavalese) – sperimenta da più di vent’anni materie prime inusuali, come i licheni, o perfeziona le ricette antiche che hanno perso un po’ di smalto. La sua è una cucina che profuma di affumicatura, di erbe dei boschi, di capanna da caccia.

Malga Panna (Moena) – la sua cucina è una revisione del tutto personale della cultura gastronomica trentina, di cui riprende i prodotti tipici e i tradizionali metodi di conservazione.

Chimpl (Vigo di Fassa) – Le idee ispirate dalla natura si tramutano in una cucina dal cuore antico ma innovativa nella tecnica, immediata nell’esaltare il gusto della carne, del pesce d’acqua dolce e di tante altre bontà.

Il Gallo Cedrone, Madonna di Campiglio – Una ricerca continua di materie prime di qualità, di produzioni artigianali, di curiosità culinarie da un territorio montano aspro ma ricco di tradizione e genuinità.

I migliori 10 ristoranti in Trentino Alto Adige ultima modifica: 2018-09-12T10:00:41+00:00 da admin