La dieta americana, in cosa consiste?

autore articolo Federico Grossini data articolo 12 Febbraio 2020 commenti articolo 0 commenti

In molti durante la primavera valutano se dimagrire oppure no. Il sogno di tutti ovviamente è quello di riuscire a tornare in forma prima dell’estate. Avete mai sentito parlare della dieta americana? Quest’ultima è stata progettata con la massima cura con lo scopo principale di perdere i chili in eccesso e va a basarsi principalmente sulla combinazione chimica fra qualche cibo che da una mano ad attivare più rapidamente il metabolismo facendolo diventare con il passare del tempo un vero e proprio brucia grassi favorendo la termogenesi ma tenendo sempre in considerazione che tale dieta di cui vi stiamo parlando è strutturata per essere seguita non oltre 72 ore, caso contrario l’organismo potrebbe iniziare a creare problemi di varia natura.

La Dieta Americana sta riscuotendo sempre più successo

Ai tempi d’oggi sono sempre più le persone che per una cosa o l’altra sono obese ed è per questo che è consigliato – sopratutto per vivere al meglio – cercare di tenere il peso forma ideale.

La dieta americana rispetto agli inizi sta riscuotendo con il tempo sempre più successo e sono davvero tante ad oggi le persone che la stanno provando con risultati più che soddisfacenti. La dieta americana è certamente una delle ultimissime novità che sta letteralmente facendo il giro di Internet. Lo scopo di tale dieta qual’è? La risposta è molto semplice, cercare di perdere almeno 3KG di peso corporeo in tre giorni compito arduo ma non impossibile se viene seguito alla lettera il programma.

Come riesce la dieta americana a far perdere 3KG in 3 giorni?

Come è possibile che la dieta americana permetta di perdere 3KG in sole 72 ore? Bruciare i grassi in più con questa dieta è possibile alla fin dei conti basta volerlo e il gioco è fatto.

READ  Come gestire meglio il ristorante in 10 mosse

Il funzionamento

La dieta americana andrebbe seguita passo per passo se si vogliono veramente ottenere i risultati sperati in cosi breve tempo. Solo cosi si va ad attivare la magia, applicata logicamente tramite l’associamento di appositi cibi combinati appositamente per dare una vera e propria scossa al metabolismo e sistema ormonale. La dieta americana, tra le altre cose, viene chiamata anche con il nome dieta del supermetabolismo.

La dieta dei tre giorni e non oltre

Cosa fondamentale che in molti trascurano è che la dieta americana non si può applicare per nessuna ragione al mondo per più di un mese di seguito. Inoltre tale metodo consiste in 72 ore di dieta come già accennato poco sopra con conseguenti 4 giorni di riposo completo. Questi tre giorni devono corrispondere all’incirca ad una perdita di 2-3 chili. Stando agli esperti la cosa essenziale è seguire passo per passo tale dieta altrimenti non si avranno i risultati sperati. Logicamente la dieta si può seguire anche per più di tre giorni ma i benefici al corpo non ci saranno, anzi a rimetterci in maniera pesante sarà il benessere generale.

La dieta americana inganna il metabolismo

La dieta americana deve in particolar modo la sua efficacia all’abbinamento di qualche preciso cibo che ha la capacità di andare ad ingannare in maniera significativa il metabolismo, rendendolo di conseguenza più attivo rispetto ai classici standard e dunque idoneo a bruciare nel miglior modo possibile i grassi in eccesso. Ad esempio, il caffè grazie al suo contenuto elevato di caffeina è tanto importante per dare una scossa tangibile al metabolismo, per questa semplice motivazione non va per nessuna ragione al mondo sostituito con tisane o qualsiasi altro genere di caffè esistente. E’ consigliato tra l’altro bere come minimo tre litri di acqua al giorno per andare a depurare il corpo smaltendo le tossine.

READ  Cos'è lo scontrino fiscale elettronico?

Dieta Americana: come dividere i tre giorni per perdere 3 chili e cosa mangiare

1° Giorno

Colazione: 1 caffè o thè, mezzo pompelmo, 1 fetta di pane tostato con due cucchiai con il miele
Pranzo: 120g di tonno al naturale, una fetta di pane tostato
Cena: 100g di carne bianca, 240g di fagiolini lessi, 120g di barbabietole rosse, 1 mela e 100g di gelato al limone

2° Giorno

Colazione: 1 caffè, 1 uovo sodo, mezza banana e 1 fetta di pane tostato
Pranzo: 200g di fiocchi di latte e 1 pacchetto di cracker integrali
Cena: 2 wurstel, 240g di broccoli, 120g di carote, mezza banana e 100g di gelato alla vaniglia

3°Giorno

Colazione: 1 caffè, 1 pacchetto di cracker, 30g di formaggio gruviera e 1 mela
Pranzo: 1 uovo sodo ed una fetta di pane tostato
Cena: 120g di tonno al naturale, 240g di barbabietole rosse, 120g di cavolfiore, 2 kiwi e 100g di gelato al limone

Conclusioni

La dieta americana è senz’altro una delle diete migliori che ci siano che con il passare del tempo sta riscuotendo sempre più successo. Noi personalmente consigliamo di provarla cosi da valutare se fa al caso vostro oppure no.

La dieta americana, in cosa consiste? ultima modifica: 2020-02-12T11:35:10+01:00 da Federico Grossini