10 regole fondamentali per aprire un ristorante

Ecco a voi alcune regole fondamentali per aprire un ristorante di successo.

1 – Scegli il tuo Brand e il tipo di Ristorante.

Per aprire un ristorante, è importante avere un concetto e un marchio chiari. Il concetto del tuo ristorante include lo stile di servizio, le pietanze che servi e l’atmosfera. 

Questo va di pari passo con il tuo brand, che costituisce l’identità, la personalità e la missione del tuo ristorante. Il tuo marchio è la forza immateriale alla base del tuo concetto di ristorante e il tuo concetto di ristorante e il tuo marchio devono essere correlati.

In base al tuo marchio e al tuo concetto, la tua sala da pranzo dovrebbe emanare un’atmosfera specifica e comunicare chi sei. Questo crea un’esperienza memorabile e significativa per i clienti che vorranno tornare. Scegliere un concetto unico e funzionale che si rivolge a un determinato gruppo demografico è uno dei fattori più importanti nella creazione del tuo concetto e marchio.

Sei un in punto luminoso oppure hai un locale che è dotato di opere d’arte moderna con un sistema mobile di punto vendita? Sei un ristorante raffinato adornato con piante e fiori alle pareti? Sei un bar poco illuminato con una numerosa lista di alcolici e organizzi eventi di jazz dal vivo? L’energia, le scelte verbali e l’attenzione del personale comunicheranno anche questo.

2- Forma le voci del menu

Prima di aprire un ristorante, ti consigliamo di stabilire alcuni prodotti alimentari di base che presenteranno il tuo menu. Decidere prima cosa ci sarà nel tuo menu è importante per capire l’equipaggiamento che ti serve, il personale che assumerai e la clientela che vuoi di attirare.

A questo punto, il tuo menu non ha bisogno di essere completamente progettato né le tue ricette devono essere completamente arricchite, a meno che il tuo intero concetto non scelga determinati elementi, come un posto per la pizza. Tuttavia, dovresti avere una solida idea della tariffa che servirai nel tuo ristorante. Più tardi nel processo di apertura del tuo ristorante, dovrai progettare il tuo menu per aumentare i profitti e aggiornarlo continuamente ottenendo informazioni su quali prodotti alimentari vendono bene e quali no.

3- Piano aziendale per il ristorante

Avere un business plan approfondito è essenziale quando si contattano gli investitori e si richiedono prestiti per un ristorante. Questo ti aiuterà anche a sviluppare la tua strategia e ad arricchire la fattibilità dei dettagli del tuo ristorante. Di seguito sono riportati i punti principali per un piano aziendale di ristorazione.

  1. Sintesi
  2. Panoramica e descrizione dell’azienda
  3. Analisi di mercato
  4. Offerte commerciali
  5. Software di gestione
  6. Strategie di marketing e pubbliche relazioni
  7. Proiezione finanziaria

4- Scegliere una posizione e l’ affitto dello spazio.

Quando si sceglie una posizione per il nuovo ristorante, le seguenti funzionalità sono tra le più importanti:

  • Visibilità e accessibilità. Seleziona un punto che può essere visto da chi guida o cammina. Dovresti anche cercare un’area in cui ci siano molti passanti. Inoltre, considera se c’è il parcheggio e la facilità di accesso a piedi o in auto.
  • La demografia. Assicurati che il target del tuo ristorante corrisponda ai dati demografici dell’area.
  • Costo del lavoro e salario minimo. È importante garantire che i costi del lavoro di un’area non riducano i profitti. Avrai anche bisogno di un’ idea chiara di ciò che i dipendenti potrebbero aspettarsi di fare in base alla posizione.
  • La competizione della zona. Alcuni concorrenti nelle vicinanze possono aiutare con il marketing. Ma è saggio avere abbastanza distanza da poter comunque garantire un solido bacino di clienti che non saranno facilmente attratti da un altro posto simile.

5- Autorizzazioni e licenze

Per aprire un ristorante, devi ottenere diversi permessi e licenze . Può valere la pena rivolgersi a un consulente legale al momento della presentazione dei permessi e delle licenze di ristorante per assicurarsi di completare ogni passaggio necessario.

6- Trova un fornitore di attrezzature e alimenti

Una fonte costante e affidabile di attrezzature e ingredienti a prezzi ragionevoli, deve essere stabilita e mantenuta per garantire il successo del ristorante. 

7- Progettare un Layout e Gestire l’attività

Quando avvii un ristorante, ti consigliamo di pensare attentamente a come organizzare l’intero layout per raggiungere gli obiettivi stabiliti nel menu e nel tema. Il tuo obiettivo principale dovrebbe essere quello di creare un flusso sistematico da casa a casa , dalla hostess ricevente fino alla cucina. Una volta stabilito il layout di base, puoi progettare e decorare la tua sala da pranzo e pensare alla gestione del ristorante. Il nostro prodotto potrebbe fare a caso tuo. Da molti anni ci preoccupiamo di fornire la migliore esperienza possibile per i nostri clienti. Puoi provare subito gratuitamente la Demo del nostro gestionale TOTALMENTE OFFLINE. Scopri di più https://ristomanager.it/scarica.html

8- Assumi il personale “giusto

Un passo importante nell’apertura di un ristorante è l’assunzione del personale. Considera tutti i ruoli che devono essere ricoperti nel tuo prima di assumere del personale.

Questo può includere la gestione e la supervisione delle risorse umane, l’acquisto di alimenti e bevande, la ricezione e la conservazione dei prodotti, la preparazione degli alimenti, il servizio di ristorazione, la pulizia, il marketing, le vendite, le pubbliche relazioni, la contabilità, la revisione contabile e i servizi di bar.

Per il personale interno, cerca candidati con esperienza pregressa e un’estrema capacità Multitasking e di lavoro rapido ed efficiente. Tutti i dipendenti dovrebbero lavorare bene con gli altri ed essere in grado di mantenere la calma sotto pressione. In particolare, il personale interno dovrebbe emanare eccezionali capacità di pubbliche relazioni.

Sebbene l’elenco varierà in base alle esigenze specifiche della tua attività di ristorazione, ci sono alcune posizioni fondamentali che probabilmente dovrai riempire quando apri il tuo ristorante:

  • Direttore esecutivo
  • Direttore generale
  • Chef
  • Cuochi
  • Server informatici
  • I baristi
  • Camerieri
  • Runner
  • Lavastoviglie

9- Pubblicizza il tuo ristorante

La pubblicità è fondamentale per vari motivi. Innanzitutto, i potenziali clienti dovrebbero essere in grado di trovare informazioni di base sul tuo ristorante. In secondo luogo, dovrebbero sentirsi entusiasti di provare il tuo nuovo ristorante. Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti per creare eccitazione intorno al tuo ristorante:

  • Usa i social media. Crea account Facebook, Twitter e Instagram per condividere notizie, foto e notizie sul tuo ristorante. Le foto e le descrizioni dovrebbero comunicare il tuo marchio. Prendi in considerazione l’idea di includere immagini di alimenti o processi dietro le quinte per attirare potenziali clienti. Assicurati di utilizzare foto di alta qualità.
  • Costruisci un sito “attraente”. Il tuo sito dovrebbe essere facile alla navigazione e il design dovrebbe rappresentare il tuo brand. Includi le informazioni di base sul tuo ristorante, inclusi indirizzo, numero di telefono, orari e menu.
  • Inserisci un annuncio sul giornale locale. Ciò contribuirà a creare consapevolezza sul tuo nuovo ristorante. Potresti anche provare a ottenere una storia o una menzione in un articolo.
  • Crea una mailing list. Quando invii e-mail creative che comunicano il tuo marchio, è essenziale utilizzare contenuti pertinenti per ciascun gruppo di clienti. Ad esempio, l’invio di offerte speciali per la prenotazione ai clienti della prenotazione o l’invio di coupon di consegna ai clienti degli ordini online sono entrambe ottime idee.
  • Offri promozioni ai nuovi clienti. Offri agli ospiti un drink o un piccolo dessert gratuiti. I clienti ricorderanno la tua eccezionale ospitalità e avranno maggiori probabilità di consigliare il tuo ristorante e di restituire se stessi.
  • Prendi in considerazione l’ idea di ospitare una grande apertura e altri eventi. Questo può avvenire dopo l’apertura. Puoi tenere degli eventi per creare “ronzio” continuo intorno al tuo ristorante, come degustazioni di vini, musica dal vivo, lezioni di cucina o menu fissi a tema.

Hai sentito il vecchio adagio “La pratica rende perfetti”. Lo stesso vale per le aperture dei ristoranti. Prendi in considerazione l’ idea di ospitare un’apertura soft per un numero limitato di persone prima di aprire le porte del tuo ristorante al pubblico. Questa strategia “test run” ti consente di affinare i tempi specifici dei pasti per vedere dove il tuo personale potrebbe essere più efficiente. Dalle feste private per amici e parenti alle anticipazioni aperte al pubblico, ci sono diverse strategie di lancio soft. Eccone alcuni popolari:

  • Offri un menu “beta” che offre la metà di ciò che è presente nel menu completo. Riduce lo stress per il nuovo personale e incoraggia i clienti a tornare a vedere il menu completo.
  • Non operare tutto il giorno. Considera di offrire solo colazione e pranzo per 4 giorni, quindi cena il quinto.
  • Ospita un happy hour di “anteprima” con voci di menu selezionate e bevande esclusive.
  • Mantieni l’apertura di amici e parenti solo con piatti gratuiti, con l’intento di invitarli a formare il tuo personale.
  • Tenere un’apertura morbida per le case e le aziende vicine. Questo ti aiuterà ad ottenere fan locali, nella speranza che tornino e suggeriscano il tuo ristorante a visitare amici e colleghi.

10- Non avere fretta, pensa “soft”

Hai sentito il vecchio detto “La pratica rende perfetti”? Lo stesso vale per le aperture dei ristoranti. Prendi in considerazione l’ idea di ospitare un’apertura soft per un numero limitato di persone prima di aprire le porte del tuo ristorante al pubblico. Questa strategia “TEST RUN” ti consente di affinare i tempi specifici dei pasti per vedere dove il tuo personale potrebbe essere più efficiente. Dalle feste private per amici e parenti alle anticipazioni aperte al pubblico, ci sono diverse strategie di lancio soft. Eccone alcuni popolari:

  • Offri un menu unico che offra la metà di ciò che è presente nel menu completo. Riduce lo stress per il nuovo personale e incoraggia i clienti a tornare a vedere il menu completo.
  • Non operare tutto il giorno. 
  • Ospita un happy hour di “anteprima” con voci di menu selezionate e bevande esclusive.
  • Tenere un’apertura per le case e le aziende vicine. Questo ti aiuterà ad ottenere clienti locali, nella speranza che tornino e suggeriscano il tuo ristorante ad amici e colleghi.

Far decollare il tuo ristorante può sembrare un compito scoraggiante. Tuttavia, poiché l’industria della ristorazione continua a crescere e le tendenze della ristorazione continuano a diversificarsi, c’è sempre spazio per un altro ristorante straordinario. Con una pianificazione dettagliata e una corretta esecuzione delle tue idee uniche, la tua attività di ristorazione può prosperare.

Il Gestionale su misura per il tuo Ristorante

Ristomanager è un gestionale su misura per la ristorazione che ti permette di gestire qualsiasi attività interna in modo preciso e totalmente offline!


Un software innovativo per ristoranti completo e personalizzabile, pronto per adempiere alla gestione prodotti, gestione tavoli, gestione clienti, cassa rapida e molte altre funzioni da scoprire.


Veloce ed affidabile, Ristomanager ti permetterà di gestire ogni tipo di attività in modo semplice e intuitivo.

Soddisfare tutte le esigenze delle imprese della ristorazione è il nostro obbiettivo. Pizzerie, ristoranti, pub, bar o qualunque altra attività che richieda la gestione degli ordini ai centri di produzione.

Ristomanager offre la possibilità di differenziare l’aspetto grafico e funzionale per i dati di vendita che sono comodamente consultabili nel modulo delle statistiche. La grafica a colori renderà ancora più intuitiva la consultazione. Grazie a tutti i filtri presenti in questa finestra, potrete analizzare l’andamento della vostra attività e filtrare i risultati in base alle vostre esigenze. Anche le modalità di navigazione ed i collegamenti fra i quadri disegnati sono a completa discrezione degli utenti.

La gestione Offline è il punto di forza. Ristomanager non necessita di una connessione ad internet, funziona sfruttando il vostro PC come server locale.

Questa caratteristica PRINCIPALE è stata sviluppata dalla nostra esperienza decennale nel campo della Ristorazione, essa ci ha portato a riscontrare e testare che alcune soluzioni software funzionano solo ONLINE.

E nei frequenti casi in cui la connessione internet risulti assente?

Il lavoro del software si bloccherebbe interamente, creando molti disagi come per esempio degli insoluti e la mancata evidenza della situazione contabile dei tavoli.

Ristomanager non presenterà mai questo tipo di problemi.

Gestire le sale del ristorante sarà un gioco da ragazzi!


Prova subito la demo gratuita scaricabile per un tempo limitato da https://ristomanager.it/scarica.html
Non esitare a contattarci per ogni tipo di informazione e/o per richieste di personalizzazione software. Il nostro team sarà lieto di gestire ogni vostra specifica richiesta.

8 marzo: ecco le donne del Premio Michelin


Sono 41 su 169 ristoranti italiani guidati da donne. Selezionati dalla Guida Michelin 8 marzo 2019 .
Ricevono le attesissime stelle della qualità culinaria. L’Italia si accaparra un primato mondiale, ma c’è ancora tanto su cui riflettere.

L’ occasione è il Premio Michelin Chef Donna del 2019 . Alcune chef dell’Atelier des Grandes Dames hanno scelto di interrogarsi proprio sul lavoro e sul valore delle donne nell’alta ristorazione.

Tante sono state premiate anche quest’anno per le loro doti professionali e per il loro splendido esempio.
Alle donne vincitrici del Premio Michelin è stato chiesto quanto significato ha questo ambito titolo e quale credono sia il valore del lavoro che svolgono quotidianamente.

Per Caterina Ceraudo, la vincitrice calabrese, c’è ancora bisogno di associare al ruolo della donna in cucina un’idea di professionalità.

La triestina Antonia Klugmann, già famosa per la sua partecipazione alla precedente edizione di Masterchef, crede che il valore dato al lavoro delle donne permetta di affermare la propria esistenza.

La vincitrice pugliese invece è una new-entry giovanissima, Solaika Marrocco, che spinge gli uomini che lavorano nella ristorazione a creare ambienti misti e a non aver paura di lavorare in squadre variegate.

A chiudere la squadra di donne sono Katia Maccari, dalle colline toscane, e la ventinovenne Martina Caruso, dalla splendida Isola di Salina. Hanno deciso di fare dello stacanovismo il loro modus vivendi in cucina.

MENU’: CATTURA IL CLIENTE CON 4 SUGGERIMENTI

Che effetto suscita il TUO MENU’ sui nuovi clienti? I clienti abituali si accorgono delle novità che gli proponi? Ci sono dei trucchetti per valorizzare il lavoro del tuo staff? Se utilizzi prodotti di qualità prodotti in zona e sei attento alla salute delle persone è necessario farlo sapere.

Avere anche dei BEI PIATTI da suscitare il desiderio di fotografarli. Avere l’ultima tendenza del momento può portare a scegliere te, solo perchè hai comunicato che qui c’è!

Per orientare la scelta del tuo cliEnte puoi predisporre menù fissi per festeggiare anniversari, compleanni o altri avvenimenti. Usare il menù come pubblicità da lanciare nel web , con qualcosa in omaggio, come l’aperitivo di benvenuto, una bottiglia o un dolce.

RICAPITOLIAMO:

1-Origine dei tuoi prodotti: Se usi prodotti a “Kilometro zero” o di produttori locali, potrai contare su un asso nella manica con gli utenti amanti della CUCINA SALUTARE.

2-Piatti adatti alle intolleranze alimentari: I clienti con necessità speciali, come i celiaci o intolleranti al lattosio, apprezzeranno molto poter conoscere la tua offerta per loro e li aiuterà a preferire il tuo locale.

3-Piatti speciali da condividere: se disponi di ricette create per essere consumate tra vari commensali, avrai più possibilità di ricevere prenotazioni, giacché resterai in linea con le ultime tendenze. Non ti dimenticare di pubblicarli!

4-Opzioni di consumazione: Se una coppia cerca un ristorante per festeggiare un’occasione speciale, potrà scegliere il tuo locale semplicemente perché nella descrizione della tua offerta trova una bottiglia di vino. Non dimenticarti di includere questo tipo di dettagli se VUOI FIDELIZARE I CLIENTI .

CAMPAGNA PUBBLICITARIA: WEB O PASSAPAROLA?

Le campagne marketing online hanno un’importanza sempre crescente.I mutamenti nelle abitudini dei consumatori permettono alle nuove attività di promuoversi in maniera aggressiva e concorrenziale senza spendere un capitale.                                             Tra gli strumenti che il web offre per pubblicizzare un ristorante e funzionano da campagna pubblicitaria spesso a costi ridotti, ci sono i banner pubblicitari, gli annunci, l’e-mail marketing, i siti web di recensioni, i social e molti altri

Innanzitutto sarà fondamentale creare un sito web dedicato al vostro ristorante e la pagina facebook.

Dovrete assicurarvi che sia ben posizionato nei motori di ricerca.

Inoltre che sia intuitivo e funzionale per l’utente, che abbia una grafica ed un layout accattivante ed infine che valorizzi i punti di forza del ristorante.

Per essere maggiormente performante sarà importante che il sito web sia compatibile con diversi devices oltre ai computer quali tablet e smartphone. Per la pagina facebook sarà tutto più sempice.

Importante è integrare una presentazione del ristorante e della sua storia, il menù in formato digitale.

Questo sistema permette di fare le prenotazioni direttamente online e di pubblicare periodicamente foto che valorizzino la location e le pietanze servite.

Per rendere il sito del ristorante, maggiormente visibile sul web, potrete affidarvi ad una delle tantissime campagne pubblicitarie come ad esempio AdWords su Google.

Se le campagne pubblicitarie e la creazione di un sito web hanno dei costi, è invece completamente gratuito pubblicizzare e promuovere con testi, foto e video il vostro ristorante sui social.

Essere presenti su tutti i maggiori social (Facebook, Instagram, TripAdvisor, ecc), soprattutto su quelli più utilizzati dal vostro target, sarà fondamentale.

pubblicità
campagna pubblicitaria

Il secondo tipo di pubblicità per promuovere e lanciare il vostro nuovo ristorante è la pubblicità offline .

Volantini pubblicitari (magari con un coupon o uno sconto);

inserzioni in giornali e riviste (sia di settore che piccole testate locali e quindi con un target di clientela residente in zone limitrofe alla vostra);

cartelloni pubblicitari (posizionati strategicamente anche su strada)

annunci pubblicitari alla radio, ecc.

Ed infine, la pubblicità meno immediata ma anche più efficace è il passaparola dei clienti soddisfatti.

La cosa fondamentale sarà quindi alla fine dei conti riuscire nell’intento (non facile) di far andare via i vostri clienti pienamente soddisfatti. In questo modo acquisterete nel tempo sempre più clienti ed un numero sempre più alto di clienti fidelizzati.

COME OTTENERE LE STELLE MICHELIN

E’ risaputo che ottenere le Stelle Michelin è la massima aspirazione per tutti gli Chef e Ristoratori.

Ottenere le stelle Michelin: Nel 1900 uscì il primo numero della guida Michelin.

Per comparire nell’ambita guida con accanto il prestigioso simbolo, è necessario ottenere dagli ispettori almeno una stella, che indica una cucina di ottimo livello. Quando dopo la prima arriva anche la seconda stella, il ristorante raggiunge dei livelli molto alti, alla soglia della perfezione che si ottiene con la terza stella, il massimo riconoscimento, la crème de la crème. In breve, le caratteristiche principali sono le seguenti:

Stelle Michel

Vedere il nome del proprio ristorante comparire sulla guida Michelin è sinonimo di qualità ed eccellenza!

Tornando indietro di qualche decennio, ci troviamo a Clermond-Ferrand in Francia, nell’azienda leader della  produzione di pneumatici, i fratelli fondatori: Édouard e André Michelin, dovevano trovare un modo per guidare gli automobilisti durante il viaggio, e così pensarono ad una guida che contenesse le recensioni e i consigli su dove mangiare, pernottare ecc. è un importante riconoscimento che veniva e che viene ancora oggi assegnato dagli ispettori, valutando la cucina, la location, lo chef, il servizio, la pulizia e tanti altri fattori.

L’Iter per ottenere le stelle Michelin

L’iter ha inizio con l’ispettore che, seduto al tavolo del ristorante ordina dal menù, che, optando per un’esperienza culinaria che consenta di valutare nel complesso, il lavoro dello Chef e di tutta la sua brigata. A partire dalla presentazione del piatto, importantissima, (anche l’occhio vuole la sua parte), per proseguire con i sapori dei piatti, l’equilibrio degli ingredienti, la tecnica della preparazione la loro qualità e la capacità del cuoco di creare un connubio unico e indimenticabile. Dopodichè si passa alla valutazione dell’approccio con la clientela, vale a dire la professionalità del servizio, la selezione ed il giusto accostamento dei vini, l’atmosfera del locale, gli arredi, la location, il rapporto qualità prezzo, per farla breve bisogna lasciare il segno.

Ogni piatto viene valutato secondo i seguenti parametri:

  • Qualità del prodotto
  • Tecnica della preparazione
  • Equilibrio fra gli ingredienti
  • Creatività dello Chef

Ogni punto della lista riceve un voto, qui non parliamo di stelle ma di, forchette, che vanno  da 1 a 5, considerando tutti gli elementi di cui abbiamo parlato in precedenza.

Alcuni consigli

Se sei un ristoratore, un consiglio che possiamo darti è quello di acquistare l’ultima guida, per quella nuova bisognerà attendere fino al mese prossimo, il 16 novembre,  ed iniziare a esaminare i ristoranti stellati nelle tue zone, provarli e cercare di imparare. Analizzare la concorrenza, o forse è più corretto dire, chi ce l’ha fatta è fondamentale.

Il secondo consiglio è quello di investire sulla propria attività, cambiare gli arredi, modernizzare e stare al passo con i tempi. Comprate un libro di architettura e rifate gli arredi, selezionate il personale migliore che riuscite a trovare, viaggiate in giro per il mondo e prendete il meglio da tante culture diverse. Iniziate questa ricerca per rendere il vostro ristorante unico nel suo genere, e con dedizione e costanza i risultati arriveranno.

Per la nuova edizione della guida, gli occhi sono puntati sul famoso chef Carlo Cracco, che l’anno scorso fece parlare di sè perchè perse una stella, ad oggi ha trasferito il suo ristorante nella galleria Vittorio Emanuele a Milano. Sicuramente comparirà un’altra stella, o magari due, così raggiungerà il massimo prestigio.

Un buon Gestionale per ristoranti è di fondamentale importanza per migliorare la qualità del servizio offerto dal tuo ristorante. Essere aggiornati con le nuove tecnologie è un passo da comprendere per portare al successo la tua attività e per avvicinarsi sempre di più alle ambite stelle Michelin.

Grazie al nostro gestionale potrai facilmente gestire qualsiasi tuo bisogno professionale. Non perderti la DEMO GRATUITA disponibile sul nostro sito o direttamente da questo link: Clicca qui

Ristoranti e trattorie del Lazio:I 10 migliori

Quali sono i migliori ristoranti e trattorie del Lazio?                                            Prima di visionarne alcune, vediamo insieme le caratteristiche della cucina romana.

La cucina romana ha mantenuto la semplicità di preparazione contadina e l’alta qualità dei suoi prodotti che il suo territorio ci offre. Nascono da tutto questo gli arrosti profumati, la pajata, le puntarelle, i piatti di carciofi. Ricette d’uso quotidiano, trasmesse di generazione in generazione, che si rifanno alla tradizione popolare. Ricette antiche, ma sempre attuali che oggi si rinnovano pur rimanendo identiche alla tradizione. Di piatto in piatto, di squisitezza in squisitezza, quella di Roma è oggi una cucina sana, saporita, ricca di fantasia che rifugge da inutili artifizi.

Di trattorie ne è piena Roma, col suo bel quartiere tipico quale Trastevere, ma anche nei dintorni sia la provincia come i laghi  di Bolsena e di Bracciano offrono, un quel misto tra antiche tradizione e modernità nel presentarle ai turisti.

Taverna Trilussa (Trastevere – Roma)

Taverna Trilussa. Caratteristico ristorante romano di trastevere. Si dice che il terzo segreto di Fatima sia la ricetta dei suoi ravioli mimosa. Si mangia direttamente dalla padella. Ottimo il trittico di dolci. Prenotateli appena vi sedete che potrebbero terminare. Prenotazione obbligatoria. Prezzo medio 50€.

Antica Osteria Rugantino (Trastevere -Roma)

Ottima preparazione di specialità della tradizione più classica fatte veramente bene. Carciofi a maggio ? Fuori stagione ! Puntarelle ? Idem ! Tradizione senza compromessi, apprezzabile in ambiente immerso nel cuore turistico di Trastevere. Bravi.

Checco er Carrettiere (Trastevere -Roma)

Wuesto tipico locale di Trastevere colpisce subito per lo stacco tra l’informalita’ dell’ambiente e la ruvidità di chi ti accoglie. Cucina casalinga, location familiare, cortiletto suggestivo, presenta cucina tipicamente romana: ottima pasta alla carbonara, una delle migliori mai mangiate, così come i carciofi alla giudia, buon vino della casa, dolci validi.
Peccato il servizio: a parte la signora che presumo la titolare, lo staff dei camerieri non brillava certo per cortesia e disponibilità.
Buon rapporto qualità/prezzo.

La Scala in Trastevere (Trastevere -Roma)

Servizio attento e cordiale, rapporto qualità/prezzo buono e assolutamente nella media della zona e della città, difficile spiegarsi perché tanti ristoranti nei paraggi sono strapieni e questo non è troppo frequentato.

Ai Bozzi (Trastevere -Roma)

Ristorante situato alle spalle di viale trastevere ovviamente il parcheggio non è il punto forte però chi vuole andare a mangiare da queste parti sa benissimo che è cosi però a due passi c è anche il lungotevere con molti parcheggi.
arriviamo al punto focale……. il cibo…..
antipasti di pesce favolosi
innovativi e materia prima di qualità. Personale gentile e disponibile.

La regione Lazio non è solo Roma ma anche tutto il circondario da Viterbo fino a Gaeta ha il suo perchè, ne val la pena visitarla senza avere il coraggio di rimanere. La Romanità con suo parlar schietto da zittire con due parole lo straniero vi lascerà il Segno e il ricordo.

Osteria La Francigena (Bolsena)

Il locale è rustico, accogliente, con muri in pietra. Tavoli ben sistemati. Il servizio è cortese e ci si sente pienamente a proprio agio.

Cibo ottimo e prezzi adeguati. Molto buono il coregone ed i dolci. Unico neo la mancanza di professionalità dei camerieri.

Sapori di Gaeta (Gaeta)

Offre solo specialità di Gaeta, ovvero tiella declinata in tutti i modi possibili che si può consumare nel piccolo locale, dotato di alcuni tavoli, o portare a casa: è cibo che regge tranquillamente le 24 ore tra la preparazione e la consumazione. Personalmente poi lo preferisco a temperatura ambiente. Prezzi corretti,

Da Amina (Civitavecchia)

Cosa dire, sembra di essere a Casa propria e lasciar cucinare degli chef professionisti, cibo ottimo, servizio impeccabile, puntualità eccellente, prezzi giusti, non si può chiedere di meglio, da tornarci assolutamente!

Il Caio (Orvieto)

Piacevole scoperta a pochi km. da Orvieto. Pranzo ricco di portate e abbondante nella quantità. Ottima la cucina. Personale gentile e disponibile.

Antica Taverna (Viterbo)

Ristorante trovato grazie a  consiglia di amici e  da come ce ne hanno parlato bene.
Locale casareccio con cibo buonissimo
Le porzioni sono grandissime,sia dei primi che dei secondi e sono molto gustosi
I piatti che prevedono il tartufo sono fatti con vero tartufo grattugiato
Tanta scelta di carne, Prezzi nella media, personale professionale gentile da farti sentire quasi a casa di amici.

Ristoranti pugliesi consigliati da ristomanager: I 10 migliori

Quali sono i migliori ristoranti pugliesi?                                                                Prima di visionarne alcuni, vediamo insieme le caratteristiche della cucina e del territorio pugliese.

La puglia coi suoi 700 km di costa , e lungo i suoi 300 km di territorio tra vaste pianure e monti accennati tra colline pietrose, offre degli ottimi alimenti sia ortofrutticoli e del pesce fresco, dell’ottima carne di ovini e bovini.

Nel Tavoliere delle puglie, c’è una tradizione di ortofrutta e carne di ovini e bovini.
Tanti sono i ristoranti dove poter gustare, i prodotti del territorio, con produzione km 0, gustandoli freschi e direttamente dal produttore al consumatore.

Ristoranti pugliesi: Foggia

Piccola Osteria Km Zero (Foggia)
Cucina ottima, prodotti sempre freschissimi e rigorosamente locali cucinati in maniera eccellente.
Originale il concetto dei prodotti locali e del menu che varia ogni giorno. Prezzi nella media

Ristorante Grand’Italia,(Foggia) la bontà dei piatti viene messo in risalto dalla cucina semplice e questo fa si che anche dopo aver mangiato un pasto completo non ci si alza da tavola con quello sgradevole senso di pienezza.

Ristorante Braceria Aurora (foggia) –Ambiente cordiale e familiare, per gustare un ottima tagliata, o dell’ottimo filetto di tonno alla brace, aperto dal 1950 vi fa capire la tradizione e la professionalità portata avanti dal proprietario.

Ristoranti pugliesi: Gargano

Andando sul Gargano, a Peschici troviamo Trattoria Bar Costamarina Location spettacolare con terrazza vista mare.. Personale gentilissimo e professionale..e pesce buonissimo con porzioni generose.. .

Una bella passeggiata a Vieste e troviamo Skipper locale che con vetrate ampissime ci permette una visuale sul porto e sul calar del sole un tramonto mozzafiato.

Ristoranti a Bari

Se siamo 1 o 2 giorni a bari vi consiglio di fermarvi a degustare i piatti della cucina del ristorante Le Giare Ristorante un viaggio tra i gusti autentici e intensi della terra, del mare, della carne e della cucina di precisione ed esperienza dello chef Antonio Bufi.

La Pesciera . L’offerta è variegata e spazia dai tipici frutti di mare crudi e cotti alle fritture, dal pesce di giornata con arrosti e tartare di ogni genere ai sushi-roll. Ottime le ostriche servite con lo champagne.

Ristoranti nel salento

Copyright dell’immagine di sandoromanoimpero.it

Nel salento troviamo degli ottimi ristoranti, dove il pesce fresco azzurro e la famosa schiuma di mare di Gallipoli dai frutti che l’entroterra ci regala e la tradizione ha sapientemente insegnato a unire.

Dall’Antiquario (Lecce)- Prima ancora di assaggiare le cose tipiche bisogna soffermarsi sui dettagli e lo stile del posto, particolare ed unico nel suo genere.Tutto qui prende una piega diversa… come ogni luogo, ogni luogo è una scoperta

OSTERIA BRIGANTI (Gallipoli) Piatti interessanti e molto buoni, personale cordiale e premuroso, locale carino, prezzi accettabilissimi, in poche parole la cena che speri di fare.

Osteria del Vico(Gallipoli) Ottimo ristorantino nel centro storico di Gallipoli. Il pezzo forte l’antipasto consigliatomi dal proprietario, composto da 6 piccole portate. Pesce freschissimo.

Food storytelling: coinvolgi e fidelizza la tua clientela

Lo storytelling è la capacità di un brand di coinvolgere ed emozionare il consumatore creando e raccontando una storia. Tale storia può parlare del prodotto, dei suoi creatori, o anche raccontare la vita del consumatore stesso. Di qualunque cosa parli lo storytelling l’importante è che catturi prima l’attenzione poi il cuore di chi lo guarda. Ovviamente lo stesso vale per il food storytelling.

L’intento è infatti quello di suscitare sensazioni forti – sorpresa, commozione, allegria – raccontando la storia dell’attività e di chi ne fa parte. Ciò aiuta il brand a stabilire un legame privilegiato con il consumatore, che entra a conoscenza di particolari e aneddoti che lo faranno sentire partecipe e non soltanto destinatario della narrazione.

Food storytelling: cosa raccontare.

Innanzitutto individua cosa vuoi raccontare e cosa i clienti vogliono sentirsi raccontare. Le opzioni sono tante: puoi raccontare la storia della tua famiglia, da dove nasce il nome/logo del tuo ristorante, come scegli  i tuoi piatti e ingredienti, quali sono le tue ambizioni e tanto altro ancora. Sbizzarrisciti.

Al tempo stesso, consulta il web (nello specifico recensioni su Trip Adivsor, Facebook, etc.) per vedere quale sia la tendenza dei clienti che frequentano le tue zone.

Se la tua attività si trova in un quartiere storico, i tuoi clienti si aspettano un legame del ristorante con la tradizione locale: raccontagli delle tue origini, della scelta del luogo, e così via.

Lo storytelling è un tipo di campagna pubblicitaria versatile e personalizzabile, che può permeare buona parte della comunicazione della tua attività. L’importante è riuscire a coinvolgere il cliente affezionato e incuriosire e affascinare il potenziale nuovo consumatore.

Se il tuo locale offre delle eccellenze (dalle birre artigianali, al piatto con tale ingrediente, alla pizza con grani speciali, etc.), non dimenticare che chi ti sceglie probabilmente lo fa perché ha letto di te online. Racconta quindi delle tue specialità a chi ancora non ti conosce o a chi vuole parlare di te in un post e condividilo sui social.

Non importa se non avete una storia leggendaria alle vostre spalle: date rilievo ai valori che volete trasmettere nella narrazione.

Puntare sui valori invece che sulla storia vera e propria del locale non deve tuttavia rendere il vostro storytelling scontato. Anche la quotidianità può diventare efficace sé raccontata con trasparenza e sincerità e con un linguaggio adeguato ai vostri destinatari.

Come fare food storytelling online e offline.

Sui social, per esempio, la storia può esser raccontata episodicamente attraverso una serie di pubblicazioni di immagini e testi che valorizzino, post dopo post, le vostre origini, le vostre caratteristiche, la vostra mission. Un consiglio: tali contenuti meglio che puntino su testi brevi purché incisivi e immagini ad effetto. Da evitare i post chilometrici, verbosi e dispersivi.

Un locale, tuttavia, si può raccontare anche fuori dal web. Per esempio, con dei brevi testi emozionali e/o accattivanti stampati su tovaglie, tovaglioli pareti del locale. Essi faranno presa su chi entra e consuma. Puoi inoltre fare storytelling sullo stesso materiale promozionale (tipo volantini o locandine), ed infine anche sul menù. A proposito di “menù” hai mai pensato di dare ai piatti i nomi del tuo staff, delle vie del tuo quartiere o di qualsiasi altra cosa ti caratterizzi ed identifichi?

Scatena la fantasia e buon storytelling!

Come fare pubblicità su Facebook per il tuo ristorante

Facebook sta diventando sempre più una vetrina per farsi pubblicità: scopri come puoi utilizzarlo per far conoscere il tuo ristorante.

Cose da sapere sull’utilizzo di Facebook a scopo pubblicitario:

– le pagine Facebook sono indicizzate da Google come lo sono i siti tradizionali: il potenziale cliente non avrà alcuna difficoltà a trovarti digitando il su un motore di ricerca;

– Facebook è un sistema rapido di condivisione e comunicazione “tascabile”: puoi aggiornare la tua pagina anche attraverso il cellulare – ad esempio, puoi fotografare il piatto del giorno, utilizzare dei filtri per migliorare lo scatto e pubblicarlo istantaneamente – ed altrettanto rapidamente rispondere ad eventuali richieste o commenti da parte degli utenti, anche se sei in movimento e non davanti ad un pc;

– puoi riuscire ad ottenere ottimi risultati senza pagare alcuna cifra, ma qualora volessi potenziare gli strumenti a tua disposizione puoi anche investire in sponsorizzazioni di post o promozione della pagina, a seconda delle tue esigenze.

Come fare pubblicità su Facebook per il tuo ristorante:

Il consiglio di partenza è sempre quello di creare una pagina piuttosto che un profilo: i like sono più immediati delle richieste di amicizia e inoltre, mentre il numero degli amici è soggetto a limitazioni e si corre il rischio che Facebook si accorga che il profilo corrisponde a un’attività invece che a una persona, il numero dei fan di una pagina è illimitato.

Suggerisci la tua pagina agli amici e invitali a farlo con la loro lista contatti a loro volta. Se in un primo momento ti interessa farti conoscere, puoi anche fare un piccolo investimento per portare nuovi like alla tua pagina, ma ricorda bene di targettizzare il pubblico a cui rivolgi l’inserzione: definisci età, interessi ed area geografica in primo luogo.

Crea per la tua pagina dei contenuti interessanti. Gli utenti usano Facebook soprattutto per intrattenersi. Per esempio, un video in time lapses in cui mostri la realizzazione di un piatto, il menù del giorno con una grafica accattivante, citazioni interessanti sul mondo della cucina combinate con immagini, uno scatto in cui presenti il tuo team al lavoro, e così via.

Coinvolgi il pubblico. Puoi creare un sondaggio in cui chiedi, per esempio, quale portata vorrebbero trovare nel menù o quale variante preferiscono di un piatto, fornendo loro un paio di opzioni. Se ricevi delle recensioni positive, non dimenticare di metterle in evidenza: è gratificante tanto per la tua attività quanto per il cliente.

Puoi, infine, creare un tasto “Azione” che rimandi al sito del tuo Ristorante, o ancora invitarli alla registrazione alla tua newsletter riservando ai nuovi iscritti una promozione (come un coupon per il tuo locale), che li porti a venire a trovarti per la prima volta.