Perché mangiare cibo indiano: 3 buone ragioni

autore articolo admin data articolo 29 giugno 2015 commenti articolo 0 commenti

Abbiamo visto attraverso un interessante articolo sul Washington Post di questa settimana, dal titolo – “Gli scienziati hanno capito ciò che rende il cibo indiano così delizioso” il quale parla del  subcontinente indiano che è la patria di oltre 1 miliardo di persone che dispone di una ricca tradizione culinaria che si basa molto sull’utilizzo di spezie e sapori forti.

I Piatti occidentali spesso usano meno ingredienti di piatti indiani. In molti casi, gli ingredienti utilizzati in un piatto condividono gli stessi composti aromatici. Come risultato, molti piatti indiani fanno sentire come se ci fosse una festa in corso in bocca. Anche se questo può creare un sovraccarico sensoriale per alcune persone.

Ci sono diversi vantaggi per incorporare la cucina indiana nella vostra cucina:

1 –  Il cibo indiano è davvero ottimo. Anche se non vi piace il cibo piccante, in molti casi è possibile richiedere le versioni meno piccanti di un piatto in un ristorante.

2 –  La cucina indiana è generalmente sana. C’è una grande enfasi su ingredienti vegetali , che rendono un paradiso per i vegani e vegetariani. Ad esempio, avere una lenticchia al posto di un hamburger vegetariano. L’uso delle spezie riduce drasticamente la necessità di sale infatti molti delle spezie hanno benefici per la salute.

3 –  Gli Ingredienti per il cibo indiano sono a buon mercato. Una libbra di lenticchie costa una frazione del prezzo di una libbra di carne rossa.

UN CONSIGLIO

Mentre si prepara piatti indiani in casa può sembrare scoraggiante in un primo momento, ma una volta che si ottiene la mano di esso, è piuttosto rapido. La maggior parte dei curry possono essere fatti in anticipo per una settimana prima e lasciare in frigo.

Perché mangiare cibo indiano: 3 buone ragioni ultima modifica: 2015-06-29T11:20:10+00:00 da admin